Ultimo aggiornamento lunedì, 18 Novembre 2019 - 22:30

Abusi sessuali su minorenne, arrestato il prete napoletano, gli audio: “Vai in bagno a lavarti i denti “

Cronaca
8 Novembre 2019 09:50 Di redazione
3'

Arrestato don Michele Mottola, parroco di Trentola Ducenta accusato di presunti abusi nei confronti di una minorenne. Nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli Nord, appartenenti al Commissariato della Polizia di Stato di Aversa (Ce) hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Napoli Nord, nei confronti dell’ex sacerdote di una parrocchia di Trentola Ducenta (Ce) per abusi in danno di minore.

Le attività investigative, iniziate a seguito di comunicazione pervenuta dalla Diocesi di Aversa e svolte attraverso l’ausilio di testimonianze, messaggi e registrazioni audio, hanno consentito di raccogliere un grave quadro indiziali, confermato dalla vittima in sede di incidente probatorio, nei confronti dell’indagato ritenuto responsabile di abusi nei confronti della minore che, all’epoca dei fatti, partecipava assiduamente alle attività della parrocchia.

LEGGI ANCHE: IL RACCONTO DEGLI ABUSI DEL PARROCO DI FAMIGLIA

Il caso di don Michele era venuto fuori già qualche tempo fa ma recentemente la vicenda era stata oggetto di un servizio de Le Iene. Il parroco era stato interdetto dal vescovo, incastrato dalle registrazioni fatti dalla sua vittima, una ragazzina di 11 anni. Di sua spontanea volontà la giovanissima decide di registrare tutto per avere delle prove, ma passano mesi prima che possa trovare il coraggio di dire tutto alla sua mamma.

LEGGI ANCHE: TRA I FEDELI C’E’ CHI DIFENDE DON MOTTOLA

Gli audio, mandati in onda a Le Iene, provano le molestie di Don Michele Mottola nei confronti della bambina. “Io ti terrei dalla mattina alla sera qua se tua mamma fosse più consenziente”, le dice don Michele, che aggiunge: “Lo sai che ti voglio bene, vuoi un bacino?”. La bimba cerca di fermarlo ma lui la rassicura: “Ma guarda che non c’è nessuno. Hai paura? Abbracciami, baciami”. Nell’audio si sentono sospiri, silenzi, rotti dal lamento della bambina, che dice “basta, basta”. A un certo punto Don Michele le dice: “Prendi questa per asciugarti e vai in bagno a lavarti i denti”. Allude così a un presunto rapporto orale.

“Quelle cose che noi facciamo, gradirei non continuare”, gli dice a muso duro ma lui liquida il tutto come “una storiella”. “Così tu mi consideri una specie di malato mentale se mi tratti così”, le dice. “Non vorrei che tu mi vedi come uno che fa violenza ai bambini…” e le dice che sarebbe stata consenziente.

Passano settimane e Marina confessa a Don Michele di aver raccontato di quegli abusi. “Vorrei essere trattata come tutti gli altri bimbi, non pensate che ora vi odio”, gli scrive in un messaggio. Ma lui risponde: “Non dovevi farlo, perché adesso capiranno altre cose. Le cose si metteranno molto male. Vengo a casa tua a parlare con i tuoi genitori”. Il parrocco accusa la bambina di aver mentito: “Tutti i bambini vengono vicino a me, mi danno un bacino e se ne vanno”. E rimprovera Marina: “Le bugie le sai dire. Mi hai capito che le bugie le sai dire? Sei come i kamikaze islamici, buttano una bomba, uccidono la gente e se ne vanno”. E la spaventa: “Il fango va a finire anche su quello che è la famiglia, su di te”.

 

3
Ultimo aggiornamento 09:50
LEGGI COMMENTI