Ultimo aggiornamento venerdì, 30 Settembre 2022 - 17:13

Giulia e Alessia travolte dal treno. La replica del papà alle accuse di averle lasciate sole: “Nessun rancore verso chi mi giudica”

Cronaca
11 Agosto 2022 12:37 Di redazione
2'

Papà, torniamo a casa in treno. Queste le ultime parole pronunciate da Giulia e Alessia, le due sorelle di 17 e 15 anni travolte e uccise da un treno alla stazione di Riccione lo scorso 31 luglio.

Giulia e Alessia travolte dal treno, le parole del padre Vittorio

A Repubblica, il papà delle due ragazze, Vittorio Pisano, ha raccontato con una lettera del delicato momento  che sta attraversando. In molti lo hanno accusato di aver lasciato sole le due ragazze: “Vivo la sofferenza confortato moralmente e spiritualmente dalle tante persone che quotidianamente hanno inondato me e la mia casa di un’umanità e dolcezza che va oltre misura e immaginazione“.

Il genitore continua spiegando la forte sofferenza provocata dalla morte delle due figlie: “Vivo la sofferenza per l’immane tragedia che ha colpito la mia famiglia, e la consapevolezza del nuovo inizio che mi attende, nel fervido desiderio di provare a trasformare l’ingiusto evento in bene assoluto“.

“Non c’è stato giorno in cui non le abbia accompagnate”

Quella sera, papà Vittorio aveva accusato un lieve malore e aveva pensato che le due figli sarebbero potute tornare a casa in treno. Poi, la tragedia: “Non c’è stato un giorno in cui non le abbia accompagnate e riprese da scuola, almeno questo mi rimarrà per sempre, quello che ho vissuto con loro”.

Il padre delle due ragazze conclude: “Non riesco a nutrire rancore, rammarico o amarezza dall’inconsulto vociare continuo e costante che si è scatenato all’indomani della tragedia“.

Alessia e Giulia
2
Ultimo aggiornamento 12:37
LEGGI COMMENTI

Articoli correlati