Ultimo aggiornamento giovedì, 17 Ottobre 2019 - 12:38

Schumacher, cresce la speranza: a Parigi per nuove cure

Sport
10 Settembre 2019 11:41 Di redazione
2'

A poco meno di sei anni dal quel drammatico 29 dicembre 2013, giorno in cui Michael Schumacher andò a battere con la testa contro una roccia sulle piste sciistiche francesi di Meribel, il campione tedesco è arrivato nella giornata di ieri, lunedì 9 settembre, a Parigi dove è stato all’ospedale europeo Georges Pompidou, nell’unità cardiologica, per una cura al momento “top secret”.

Schumacher è giunto nell’ospedale della capitale francese con un camion ambulanza, seguito da oltre una decida di professionisti, tra medici e assistenti, tra cui il professor Saillant, noto chirurgo ortopedico. Secondo quanto riferisce Le Parisien, alle 15.40 la barella è arrivata al primo piano dell’ospedale europeo Georges Pompidou, all’interno dell’Unità di monitoraggio continuo del Dipartimento di Chirurgia Cardiovascolare, con una copertura blu scuro per oscurare completamente il corpo e il viso per ragioni di privacy.

LEGGI ANCHE – Schumacher “è fuori pericolo, ecco come vive oggi”

Il trattamento a cui verrà sottoposto l’ex pilota tedesco è quello relativo alla trasfusione di cellule staminali nell’organismo per ottenere un’azione anti-infiammatoria sistemica. A praticarlo sarà l’equipe diretta dal professor Philippe Menasché, celebre chirurgo cardiaco, pioniere della terapia cellulare nella cura dell’insufficienza cardiaca, nonché membro del consiglio d’amministrazione dell’Istituto del cervello e del midollo spinale.

Sulle attuali condizioni di salute di Schumacher c’è riserbo così come deciso dalla famiglia e dal suo entourage.

LEGGI ANCHE – Schumacher, il regalo più bello: “Non è più attaccato alle macchine”

LEGGI COMMENTI