Ultimo aggiornamento giovedì, 19 luglio 2018 - 15:40

Omicidio Vincenzo Ruggiero: inizia il processo per Ciro Guarente e Francesco De Turris

Cronaca
11 luglio 2018 15:18 Di redazione
2'

Presenti i due imputati, Ciro Guarente e Francesco De Turris, all’udienza preliminare di questa mattina per l’omicidio di Vincenzo Ruggiero. Il giovane 25enne di Parete è stato brutalmente ucciso e fatto a pezzi da Guarente, mentre De Turris avrebbe avuto un coinvolgimento nella fase iniziale dell’assassinio reperendo l’arma del delitto.

A una settimana dai funerali di Vincenzo, tenutisi lunedì scorso presso la Chiesa di Montesanto a Napoli, inizia il processo in seguito alle indagini durate quasi un anno. Ciro Guarente è imputato  per omicidio premeditato e vilipendio di cadavere, mentre il complice Francesco De Turris di concorso nel reato di omicidio.

IL CORPO DI VINCENZO SENZA BRACCIA E TESTA: IL SILENZIO DEL KILLER

Guarente, testa bassa mentre passa accanto ai familiari di Ruggiero, deve ricostruire la verità. La signora Maria Esposito è determinata, la mamma di Vincenzo, è certa: “Io non so perché è stato fatto questo a mio figlio. Lui mi deve dire perché e chi lo ha aiutato. Non deve uscire di galera. Un essere del genere non deve uscire. E’ stata una tortura. Ma ancora non conosco la verità. Sono certa che c’è chi sa cose che potrebbero farci scoprire nuovi dettaglio, magari farci scoprire chi era con l’assassino mentre uccidevano mio figlio. Spero che qualcuno parli. Non potrò mai capire perché “lui” abbia sfogato su Vincenzo un odio così feroce”.

Il movente dell’efferato delitto sarebbe infatti la gelosia che Guarente avrebbe provato per Ruggiero, in quei giorni coinquilino dell’ex fidanzata Heven.

LEGGI COMMENTI