Ultimo aggiornamento mercoledì, 07 Dicembre 2022 - 11:38

Ines, travolta dalle onde a Furore per un selfie, il racconto del marito: “Mi sono salvato così”

Cronaca
24 Novembre 2022 08:05 Di redazione
2'

Un selfie trasforma la vacanza in Costiera Amalfitana in un tragedia per una coppia argentina. Sebastian Queroz, il marito di Ines, ha insistito per scendere nel fiordo di Furore e scattare l’immagine del mare infuriato. Un’onda però ha travolto sia lui che la moglie, Ines Gomila, 36 anni, che è corsa per soccorrerlo essendo risucchiata dal mare. E’ probabile che abbia sbattuto la testa e perso i sensi. Gli abitanti del posto avevano infatti provato a salvarla lanciandole una fune, ma lei non l’ha mai afferrata per provare a salvarsi la vita.

Dramma a Furore: Ines muore per scattare un selfie

Il marito, come riporta il Mattino, nel tentativo di salvarla, ha afferrato la sua mano ma non è riuscito a trattenerla: il corpo è stato portato via dalle onde mentre lui, 52 anni, è riuscito ad aggrapparsi a una cima e a tornare sulla terraferma. Soccorso dal 118, è stato trasportato in ospedale a Castiglione di Ravello per tutti gli accertamenti. Sta bene, ma è sotto choc. Gli operatori di Amalfi sono intervenuti per cercare la donna e hanno ritrovato il cadavere.

Il magistrato di turno della procura di Salerno, diretta dal procuratore capo Giuseppe Borrelli, ha aperto un fascicolo d’ufficio ipotizzando come causa del decesso l’annegamento per caso fortuito. Il medico legale ha confermato, con esame esterno, la morte da annegamento.  La coppia era ospite di un b e b a Positano, ma quella mattina aveva deciso di fare una passeggiata in Costiera per ammirarne le bellezze.

LEGGI COMMENTI