Ultimo aggiornamento mercoledì, 05 Agosto 2020 - 09:33

Caserma Levante, il racconto delle torture: “Ricordo le urla disumane. Ho paura che mi uccidano”

Cronaca
31 Luglio 2020 09:05 Di redazione
2'

Hamza Lyamani, il ragazzo di 26 anni che è l’accusatore di Montella e degli altri carabinieri della Caserma Levante, colui che si è fatto avanti per raccontare i soprusi messi in atto da alcuni militari, ha spiegato cosa accadeva in un’intervista per il Corriere della Sera.

Caserma di Piacenza, un testimone parla delle torture

Il ventiseienne ha detto che ha paura di essere ucciso: “Ma io non vivo più. Bevo e non dormo la notte. Ho fatto bene? Con la paura che mi uccidano”. Poi ha raccontato com’è iniziata la “collaborazione” tra lui e Montella: “Se mi dici chi spaccia ti faccio venire a firmare quando vuoi”. Lui dava nomi in cambio di quantitativi di droga, così è riuscito a far arrestare almeno 30 persone: “Me ne vergogno. Perché poi venivano pestati a sangue e incastrati”

Ricorda le torture che venivano fatte nella famosa stanza della terapia: “Ricordo le urla disumane di un poveretto che era nella “stanza della terapia”, dove tenevano la droga sequestrata. Lo stavano picchiando. E in ufficio si sentiva benissimo. C’era anche il comandante”.

LEGGI ANCHE: IL RACCONTO DI UNA ESCORT CHE HA PARTECIPATO AI FESTINI

Così come non potrà mai dimenticare quello che gli è stato fatto: “Hai presente le torture? Calci, pugni. Mi ha rotto il naso due volte. Ricordo che un giorno ho preso un pezzo dell’accendino e mi sono tagliato le braccia (mostra i segni, ndr) sperando che mi facessero andare in ospedale”.

caserma levante testimone
2
Ultimo aggiornamento 09:05
LEGGI COMMENTI

Articoli correlati