Ultimo aggiornamento sabato, 05 Dicembre 2020 - 22:04

Mertens come Hamsik, il Napoli manca l’impresa ma ferma il Barcellona

Nella notte europea della Champions League, il Napoli non ha affatto sfigurato contro i 'marziani' del Barça. Mertens a quota 121 gol come 'Marekiaro'

Calcio Napoli
25 Febbraio 2020 22:53 Di redazione
2'

Nella notte delle stelle, Napoli e i suoi tifosi hanno vissuto il sogno di affrontare il Barcellona nella gara di andata degli ottavi di finali di Champions League. Il San Paolo strapieno ha accolto con grande entusiasmo le stelle blaugrana. Accoglienza maestosa per la stella Leo Messi, inevitabile anche se ‘profano’ il paragone con Diego Armando Maradona.

Il primo tempo è stato chiuso dal Napoli in vantaggio con un gol di Dries Mertens. L’attaccante belga ha raggiunto Marek Hamsik in cima alla classifica dei migliori marcatori della storia azzurra. Sono ben 121 le reti di Ciro, così come è stato affettuosamente soprannominato dai tifosi azzurri. Ma nel secondo tempo, dopo una clamorosa occasione fallita da Callejon, il pareggio che ha gelato il San Paolo.

In rete per il Barcellona è stato Griezmann. Il Napoli ha condotto una gara attenta e intelligente. L’umiltà dei ragazzi di Gennaro Gattuso è stata la caratteristica principale della squadra partenopea. Gli azzurri, infatti, hanno giocato un match in difesa approfittando delle ripartenze in contropiede per colpire i catalani.

Alla fine è 1-1. I tifosi del Napoli possono essere soddisfatti. Il verdetto ci sarà al ritorno proprio a Barcellona. E in quell’occasione sarà tutta un’altra partita.

LEGGI ANCHE – I migliori marcatori della storia del Napoli

MERTENS – Dries Mertens ha raggiunto Marek Hamsik in testa alla classifica all time dei cannonieri del Napoli. L’attaccante belga ha segnato contro il Barcellona il suo gol numero 121, appaiando lo slovacco in testa alla classifica assoluta tra campionato e coppe.

Il belga ha segnato 90 gol in serie A, 26 nelle coppe europee e 5 in Coppa Italia. Dietro di loro, al terzo posto, Maradona, che fece 115 gol in maglia azzurra. Mertens dopo il tiro a giro che ha battuto Ter Stegen è corso verso la curva A indicando lo stemma del Napoli sulla maglietta e ha ricevuto l’abbraccio di tutti i compagni che hanno celebrato il suo record.

Poi Mertens è tornato verso il centrocampo facendo con le dita il segno del cuore ai 50.000 del San Paolo, dichiarando un amore che e’ in bilico visto che il belga è in scadenza di contratto con il Napoli.

Mertens come Hamsik, il Napoli manca l'impresa ma ferma il Barcellona
1
Ultimo aggiornamento 22:53
LEGGI COMMENTI

Articoli correlati