Ultimo aggiornamento domenica, 19 Gennaio 2020 - 16:19

Metro Linea 1, riprendono le corse. Intanto lo scontro finisce in Procura. I testimoni: “Credevamo di morire”

La circolazione parziale dei treni ripartita dalle 7 di questa mattina. Rafforzate due linee di autobus. Scatta l'indagine della magistratura

Trasporti
15 Gennaio 2020 08:41 Di redazione
2'

È ripreso il servizio sulla linea 1 della metropolitana di Napoli, dopo lo stop di ieri a seguito dell’incidente che ha coinvolto tre treni, causando 4 feriti, nei pressi della stazione Piscinola. Il servizio è ripreso sulla tratta parziale Colli Aminei-Dante, con l’attivazione della linea bus 602 per la copertura del percorso Dante-Garibaldi.

GLI AUTOBUS – Anm (Azienda napoletana mobilità) informa che la linea bus C67 Piscinola-Capodimonte prolunga eccezionalmente fino a Dante, mentre la linea bus 168 Frullone-Dante prolunga fino a Chiaiano.

La circolazione ferroviaria è tornata attiva alle 7.10. Al termine delle necessarie verifiche ancora in corso sull’intera rete, fa sapere Anm, si proseguirà con il servizio a copertura della tratta Piscinola-Dante con 7 treni.

LE TESTIMONIANZE – Intanto, da alcune testimonianze relative allo scontro tra treni avvenuto ieri, è emersa tutta la paura provata dai passeggeri a bordo dei convogli. “Abbiamo temuto di morire“, “Uno scontro violento e poi il dolore“, persino un operatore del 118, “Appena giunti sul posto e visto i treni uno dentro l’altro ho pensato al peggio“.

L’INDAGINE – Il caso è già finito in Procura dove gli inquirenti hanno aperto un fascicolo. A condurre l’indagine contro ignoti il pm Michele Caroppoli, sotto il coordinamento del procuratore aggiunto Simona Di Monte. Nel mirino dei magistrati il sistema automatico di protezione e le fasi relative alla manutenzione. Al vaglio degli investigatori il contenuto delle scatole nere già sequestrate.

LEGGI ANCHE – Scontro tra treni della metropolitana: le foto dell’incidente

Napoli, scontro tra treni della metro Linea 1: ci sono 13 feriti
3
Ultimo aggiornamento 08:41
LEGGI COMMENTI