Ultimo aggiornamento mercoledì, 22 maggio 2019 - 13:52

Il napoletano Tutino segna in rovesciata, a Cosenza a ruba la maglia celebrativa

Calcio Napoli
11 Maggio 2019 11:57 Di Piero De Cindio
4'

A Cosenza sono pazzi di Gennaro Tutino e anche il calciatore è pazzo della città. L’amore è sbocciato fin da subito, fin dal suo arrivo in riva al Crati ormai due anni fa. I tifosi rossoblù hanno immediatamente capito di avere in mano un vero e proprio gioiellino scuola Napoli, dribbling, visione di gioco e una voglia pazza di emergere da vero e proprio scugnizzo.

La consacrazione l’anno scorso quando il Cosenza contro ogni pronostico e grazie ad una splendida cavalcata con un Tutino in forma Mondiale ha ridato alla città bruzia la Serie B che mancava da 15 anni. L’estate scorsa Gennaro è tornato a casa al Napoli che lo ha girato in prestito al Carpi. Prima di andarsene aveva però lanciato messaggi chiari e inequivocabili: “deciderò io sul mio futuro”.

In una nota trasmissione sportiva cosentina “Lupi si Nasce“, Gennaro aveva anche indossato una parrucca di Maradoniana memoria suggellando il rapporto con la tifoseria. Qualche settimana a Carpi per capire che lui voleva solo il Cosenza e il Cosenza voleva lui. In qualche ora il Napoli e il Carpi hanno accontentato Gennaro che ha fatto ritorno al Cosenza che lo ha accolto a braccia aperte.

Quest’anno Gennaro Tutino ha giocato un campionato fantastico ha tirato fuori tutta la sua “cazzimma” e alla fine è riuscito insieme ai compagni di squadra a raggiungere una tranquilla salvezza. L’ultima partita in casa è stata suggellata da un splendido goal in rovesciata, un gesto tecnico che ha mandato in visibilio l’intera tifoseria e che si è candidato ad essere il più bel goal dell’intera stagione di Serie B.

Un gesto che ha ricordato l’indimenticabile rovesciata di Parola che ancora oggi dal 1975 è la copertina dell’album di figurine Panini. Quella però fu una rovesciata che salvò un goal della Fiorentina contro la Juventus mentre Gennaro ha fatto goal e ha regalato la matematica salvezza al Cosenza.

A Cosenza sono tutti impazziti di gioia e come una piccola Napoli ingegnosa è spuntata una maglietta con la rovesciata di Tutino stilizzata con la grafica delle figurine Panini che sta andando a ruba. Sulla pagina Facebook di Lupi si Nasce si legge che i cosentini hanno omaggiato Gennaro della maglia.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

#forzalupi #cosenzacalcio #serieb #figurinepanini @gennarotutino33 @figurinepanini

Un post condiviso da LupiSiNasce🐺 (@lupisinasce1914) in data:

La favola di Gennaro il napoletano a Cosenza sembra però al capolinea, tornerà anche quest’anno nuovamente a Napoli con il quale ha un contratto pluriennale e con il quale programmerà il suo futuro. I rumors di calciomercato lo vedrebbero lontano da Cosenza, ma con Gennaro tutto è possibile e non è escluso che possa nuovamente giocare con i lupi della Sila a meno di proposte nella massima serie.

A Cosenza c’è anche un altro gioiellino Scuola Napoli, Luca Palmiero che quest’anno ha letteralmente incantato con una crescita esponenziale e che ha portato molti addetti al lavoro a vederlo bene addirittura in nazionale. Qualche giorno fa a Luca Palmiero è stato consegnato il Premio Marulla come miglior giocatore del Cosenza per la stagione 2018/2019.

Per lui la situazione contrattuale è un pò diversa in quanto è in prestito con diritto di riscatto per il Cosenza fissato a 2 milioni di euro, ma è previsto anche un contro riscatto da parte del Napoli a circa 2,3 milioni di euro.
Difficilmente il Napoli però si lascerà scappare il contro riscatto in quanto sia Gennaro Tutino che Luca Palmiero potrebbero rappresentare il futuro del Calcio Napoli.

LEGGI COMMENTI