Ultimo aggiornamento domenica, 24 giugno 2018 - 21:30

Strage di Cisterna: la reazione di Antonietta Gargiulo e la tecnica dei medici per dare la notizia

Cronaca
12 marzo 2018 12:59 Di Fabiana Coppola
2'

Venerdì 9 marzo si sono tenuti i funerali di Alessia e Martina, le due bambine uccise dal padre nella strage di Cisterna di Latina lo scorso 28 febbraio. Prima di togliere la vita alle piccole però Luigi Capasso ha sparato alla moglie, Antoneitta Gargiulo, ferendole spalla, zigomo, e  petto. E’ ricoverata in gravi condizioni in ospedale la 39enne di Melito di Napoli, ma giovedì, dopo esser stata operata, i medici le hanno dato la tragica notizia.

L’ULTIMO MESSAGGIO DI ANTONIETTA PRIMA DELLA STRAGE

Nello studio di Pomeriggio  Cinque, Barbara D’Urso, ha raccontato il retroscena sul momento dell’annucio, ovvero  la tecnica utilizzata dallo staff medico per comunicare alla donna che il marito aveva ucciso entrambe le figlie per poi suicidarsi. Antonietta infatti, al momento del risveglio, non ricordava nulla di quel giorno.

LUIGI CHIUDEVA LE BIMBE A CHIAVE E PICCHIAVA LA MOGLIE

L’anestetista ha spiegato alla donna il motivo del suo ricovero e le ha ricordato l’aggressione subita dal marito. Non potendo parlare, perchè appena operata alla mandibola, la mamma delle bimbe ha battuto le palpebre facendo capire che ricordava l’accaduto. A quel punto il fratello e la cognata hanno salutato Antonietta facendole capire di essere felici per il suo risveglio. Infine l’annuncio drammatico dato da una delle psicologhe che seguirà il caso. Non appena Antonietta ha saputo che Alessia e Martina erano state uccise dal padre ha chiuso gli occhi per due minuti e ha stretto con forza il lenzuolo con una mano. I medici hanno dunque sedato nuovamente la 39enne.

ANTONEITTA GARGIULO HA PERDONATO LUIGI CAPASSO

4
Ultimo aggiornamento 12:59
LEGGI COMMENTI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi