Ultimo aggiornamento martedì, 12 dicembre 2017 - 13:12

Ciro Guarente scrive la sua verità dal carcere: “Mi hanno istigato a uccidere Vincenzo”

Cronaca
11 agosto 2017 11:22 Di Fabiana Coppola
2'

Ciro Guarente scrive dal carcere di Santa Maria Capua Vetere in cui è rinchiuso. Pagine su pagine di une “verità” raccontata dall’assassino di Vincenzo Ruggiero, l’attivista gay di Parete prima ucciso e poi fatto a pezzi per gelosia. Guarente vedeva il bel 25enne come un rivale perchè da qualche mese il ragazzo viveva nell’appartamento di Heven Grimaldi ad Aversa, la trans fidanzata con l’omicida da ben 7 anni. Non è stata però una sua personale ossessione a spingerlo ad odiare e poi a decidere di eliminare quella presenza solare e fresca che si era insinuata nella loro vita.

Secondo quanto scrive l’assassino, ci sarebbe stato un istigatore morale in tutto questo tempo a spingerlo ad odiare Vincenzo, a provare per lui una folle gelosia. Quello che però attira l’attenzione degli investigatori è un altro punto fondamentale che si trova nelle righe scritte dall’ex marine, un punto su cui gli inquirenti hanno indagato fin da subito. Ciro racconta di aver ucciso Enzo quella notte tra il 7 e l’8 luglio con due colpi di pistola e di averlo trasportato in un sacco della spazzatura, ma scrive anche che qualcun’altro lo avrebbe aiutato a fare a pezzi il cadavere del 25enne. La vittima era alta quasi 1 metro e 90, l’assassino nemmeno 1 metro e sessanta.

A fare a pezzi il giovane commesso di Carpisa, murarlo e cercare di eliminare ogni parte del corpo con l’acido nel garage degli orrori a Ponticelli dunque non sarebbe stato solo Guarente, un’altra persona lo avrebbe aiutato a commettere lo scempio sul corpo di Vincenzo. Un complice, che forse potrebbe essere già stato inidividuato. Intanto Ciro scrive e probabilmente verrà chiesta una perizia psichiatrica, ma non parla con gli investigatori. Non dice dove ha nascosto la testa del ragazzo, dove si trova la pistola con la quale l’ha ucciso, la motosega circolare utilizzata per farlo a pezzi e altri oggetti personali della vittima. Non vuole raccontare nulla con la sua voce, vuole solo scrivere ininterrottamente e tra queste parole vuole chiedere perdono alla madre di Enzo. In qualche modo però la condanna all’ergastolo lo attende senza pietà.

Fonte: Il Mattino

4
Ultimo aggiornamento 11:22
LEGGI COMMENTI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi