Ultimo aggiornamento mercoledì, 18 ottobre 2017 - 21:58

10 agosto 2000: i sogni di Gigi e Paolo spezzati dal piombo della camorra

News
10 agosto 2017 16:44 Di Ciro Cuozzo
3'

Erano fermi nell’auto sotto casa ad ascoltare musica, fantasticando sul futuro e sognando una vacanza in Grecia, quando sono stati ricoperti da una pioggia di piombo che non gli ha lasciato scampo. Diaciassette anni fa, il 10 agosto del 2000, venivano uccisi a Pianura, quartiere nella zona occidentale di Napoli, Luigi Sequino e Paolo Castaldi.

Poco più che ventenni, Gigi e Paolo vennero scambiati dal gruppo di fuoco del clan Pesce-Marfella per due guardaspalle di Rosario Marra, genero del boss Pietro Lago, deceduto nel 2014, nell’ambito della faida che in quegli anni provocò una lunga scia di sangue.

Secondo le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Raffaele Bavero, Mele avrebbe ordinato ai quattro cugini Pesce di perlustrare il quartiere Pianura e di colpire persone vicine al clan rivale. I quattro sicari erano in giro in sella a due ciclomotori armati di pistola e fucile a pallettoni. Gigi e Paolo, erano fermi in una Lancia Ypsilon sotto casa. Stavano chiacchierando quando Luigi Pesce credette di riconoscere un malavitoso legato al clan Lago. Scese dal motorino e iniziò a fare fuoco con il fucile.

Per il duplice delitto, che destò scalpore e commozione profonda in città, sono stati arrestati tra dicembre 2004 e febbraio 2005 i fratelli Pasquale e Luigi Pesce (poi diventato collaboratore di giustizia) e il loro cugino Eugenio. Un altro loro parente, Carmine Pesce, componente del commando, è stato ucciso in un agguato di camorra il 31 marzo 2004. Nel novembre del 2007 Pasquale e Eugenio Pesce sono stati condannati all’ergastolo perché riconosciuti come esecutori materiali del delitto. Il processo per Luigi Pesce, svoltosi con rito abbreviato, si è concluso invece con la condanna a 18 anni di reclusione. Grazie alle dichiarazioni di Luigi Pesce è stato poi arrestato ill presunto mandante dell’agguato, Luigi Mele, all’epoca elemento di spicco del clan Pesce-Marfella.

Ai due giovani trucidati dalla camorra è stata intitolata la strada dove vivevano e dove sono stati uccisi. Oggi, in occasione del 17esimo anniversario sono diverse le iniziative organizzate per ricordare Gigi e Paolo:

Oggi 10  agosto 2017, in occasione del diciassettesimo anniversario della tragica morte di Luigi Sequino e Paolo Castaldi, presso la struttura “Il Vocazionario” in Via Evangelista Torricelli, 29 nel quartiere di Pianura, alle ore 17.00, l’Assessore Alessandra Clemente prenderà parte all’iniziativa promossa in memoria di Gigi e Paolo e di tutte le vittime innocenti delle mafie di liberazione di due gheppi, recuperati e  curati presso l’ospedale veterinario di fauna selvatica della Federico II. Seguirà alle ore 18.00 la celebrazione della SS Messa presso la Chiesa dedicata a San Giustino. In mattinata, il Comune di Napoli ha deposto fiori sulle tombe dei due ragazzi come segno di vicinanza alle famiglie.

 

1
Ultimo aggiornamento 16:44
LEGGI COMMENTI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi