Come per le migliori rockstar se n’è andato avvolto nel mistero. Chris Cornell, musicista 52enne, è deceduto nella notte a Detroit (Michigan, Stati Uniti), poche ore dopo un suo concerto. Le circostanze del decesso sono ancora da chiarire, è infatti sconosciuto il motivo per il quale Cornell sia morto. Grande esponente del grounge a partire dagli anni ’90, il noto rocker era in tour con la sua band.

Morte improvvisa ed inaspettata. La famiglia vuole serenità e riservatezza. Collaborerà a stretto contatto con le autorità mediche per stabilire le cause della morte“, queste le dichiarazioni dell’agente Bran Bumbery. 

Leader e fondatore dei Soundgarden, rock band nata nel 1984, Chris Cornell è conosciuto per la sua voce unica e inconfondibile. Proprio con la sua storica formazione era tornato a suonare in seguito ad una reunion del 2010. Con i Soundgarden la rockstar era impegnata nel suo ultimo live show al Fox Theater di Detroit.

Dopo l’esperienza con il primo gruppo con il quale Cornell ha venduto milioni di dischi primeggiando nelle classifiche mondiali, la rockstar nata a Seattle ha fatto parte dal 2002 al 2006 della super band Audioslave in cui suonava anche il chitarrista dei Rage Against the MachineTom Morello.

Chris Cornell lascia tre figli, la prima Lillian Jean avuta dalla prima moglie Susan Silver, poi la seconda figlia, Toni (2004) e un figlio, Christopher Nicholas (2005) avuti con la seconda moglie Vicky Karayiannis. Negli ultimi anni della sua carriera, il rocker si è dedicato a diversi progetti come solista e ha composto la colonna sonora dei film Superman 007 Casino Royale.

AGGIORNAMENTO – Secondo i primi accertamenti clinici e dagli esami effettuati dal coroner (medico legale), sembrerebbe che Chris Cornell si sia suicidato. Nella toilette dell’hotel dove dormiva ed è stato trovato il suo corpo ci sarebbero alcuni indizi che dimostrerebbe il tentativo riuscito, da parte della rockstar, di impiccarsi. Probabilmente il musicista soffriva di depressione e dopo anni di dipendenza da droghe e alcol, aveva iniziato ad assumere dei farmaci.

LEGGI COMMENTI
Articolo di Andrea Aversa
Pubblicato il , in