Ultimo aggiornamento giovedì, 11 Agosto 2022 - 18:00

Kalidou vai e vinci, Napoli tiferà sempre per te (Adl ora può vendere)

Kalidou Koulibaly. La cessione della 'Colonna d'Ebano' azzurra al club londinese è imminente. Non si chiude solo un ciclo, ma l'era De Laurentiis

Calcio Napoli
14 Luglio 2022 14:00 Di Andrea Aversa
3'

Ormai è fatta, Kalidou Koulibaly sarà presto un nuovo calciatore del Chelsea. Il difensore senegalese starebbe sostenendo le visite mediche a Londra prima di ultimare gli ultimi dettagli e di firmare il contratto. Un accordo che porterà al Napoli circa 40 milioni di euro e al giocatore un ingaggio di 9 milioni all’anno.

Kalidou Koulibaly

Sono tutti contenti, il presidente Aurelio De Laurentiis che incassa decine di milioni per un calciatore in scadenza. KK che potrà guadagnare di più e a 31 anni cercare di vincere qualcosa di importante. Ad essere infelici sono i tifosi del Napoli.

I tifosi

E non è un sentimento soltanto nostalgico. Una di quelle emozioni che lega i napoletani al passato, rendendoli spesso e volentieri provinciali. È più una sensazione di forte rassegnazione nei confronti di un club che ha galleggiato fin quanto ha potuto con un’unica mission strategia: le plusvalenze. Ora che il giochino è rotto, alla SSC Napoli non resta che far quadrare definitivamente i conti mentre i tifosi hanno perso definitivamente la speranza di poter vincere qualcosa.

Le altre

La Juventus ha preso PogbaDi Maria, l’Inter Lukaku, Mkhitaryan e forse Dybala. Il Napoli invece è un negozio aperto dove i contratti non si rinnovano e i pezzi pregiati si vendono o svendono. E non si tratta solo un discorso relativo a un mercato assurdo e paralizzato, dove comandano i procuratori. Non è solo una questione per la quale anche i club hanno le loro ragioni. E non è neanche corretto parlare dei calciatori come dei mercenari. Qui c’è solo una società che non può fare, dare, più nulla. Che non può andare oltre il livello raggiunto.

De Laurentiis

Lo sappiamo bene che il calcio è amore ma soprattutto business. È normale. Ecco perché quella del Presidente Aurelio De Laurentiis appare come una dismissione. Non è solo la fine di un ciclo, più che giusta, legittima e accettabile. È la preparazione alla cessione. Perché il rinnovamento non c’è e non ci sono neanche nuovi investimenti. Ci sarebbe solo la volontà di cedere un’azienda che oggi ha un valore, domani chissà.

Il campione

Kalidou possiamo solo augurare il meglio. Possiamo solo sperare e credere che trionferà anche se indosserà un’altra maglia. Perché lo merita. Lui, campione in campo e soprattutto fuori. Campione di lealtà e solidarietà. Non lo ricorderò per il gol straordinario segnato allo Stadium contro la Juventus. Porterò nel cuore il suo abbraccio all’avversario che in finale di Coppa d’Africa ha sbagliato il rigore decisivo. Un piccolo grande gesto prima di alzare la coppa e festeggiare con i compagni. Questo è Koulibaly!

Kalidou Koulibaly
LEGGI COMMENTI

Articoli correlati