Voce di Napoli | Navigazione

Napoli, stretta alla movida: chiusure anticipate dei locali e stop all’asporto. La nuova ordinanza

L'ordinanza anti movida del comune. Il nuovo dispositivo entrerà in vigore questo venerdì. Esentati i ristoranti con servizio ai tavoli

Ci siamo, diventerà ufficiale oggi la nuova ordinanza disposta dal Comune di Napoli con l’obiettivo di dare una stretta alla movida. Le norme previste entreranno in vigore dal prossimo venerdì e quindi da questo fine settimana.

L’ordinanza anti movida del comune

Saranno anticipati gli orari di chiusura dei locali: dalla domenica al giovedì saracinesche abbassate all’una, giusto un’ora in più il venerdì e il sabato con porte sbarrate alle due. Scatterà anche il divieto d’asporto per alcol, cibo e mini maerket. Saranno concessi 30 minuti di tolleranza per consentire agli esercenti di pulire il proprio locale e gli spazi adiacenti.

L’ordinanza anti movida del comune: i divieti

Sono esentati da queste nuove regole i ristoranti e i locali con servizio ai tavoli. Stretta anche alla musica: dalle 23 stop a percussioniamplificatori, dalla mezzanotte sarà vietato suonare qualsiasi strumento. Nel dettaglio, come anticipato da La Repubblica, nell’ordinanza che avrà una durata di quattro mesi (quindi con validità fino a giugno), c’è scritto:

L’ordinanza anti movida del comune: i dettagli

L’orario di chiusura degli esercizi in sede fissa e mobile di somministrazione di alimenti e bevande, di vicinato alimentare nonché di produzione artigianale di alimenti e dei chioschi alimentari su area pubblica cittadina, esclusi ristoranti e pizzerie relativamente al servizio ai tavoli, è stabilito dalla domenica al giovedì alle ore 1 del giorno successivo, consentendo 30 minuti di tolleranza per il ricovero delle attrezzature e la pulizia degli spazi antistanti ed interni al locale stesso, mentre il venerdì e il sabato alle 2 del giorno successivo. In tutte le circostanze non è consentita la riapertura delle attività prima delle 5 del mattino“.

L'ordinanza anti movida del comune