Ultimo aggiornamento martedì, 29 Settembre 2020 - 12:18

Esplosioni Beirut, una città devastata. Il ministro della Salute: “Chi può lasci la città”

News
5 Agosto 2020 08:27 Di redazione
2'

Continua a salire il bilancio delle vittime dalle due esplosioni avvenute nel pomeriggio (ore italiane) di martedì a Beirut, che è arrivato a più di 100 morti e 4000 feriti, questo il dato reso noto dalla Croce Rossa libanese secondo quanto riferiscono i media locali.

Intanto il ministro della Sanita’ libanese, Hamad Hasan, ha consigliato a tutti i cittadini di Beirut che ne hanno la possibilita’ di lasciare la citta‘. La capitale libanese ieri e’ stata devastata da due esplosioni nell’area dei pressi del porto che hanno provocato decine di morti e 4 mila feriti, un bilancio destinato a crescere.

Esplosione Beirut, biossido d’azoto nell’aria

Secondo quanto riferisce la stampa libanese, Hasan ha affermato che i materiali pericolosi sprigionati nell’aria dalle due esplosioni sono potenzialmente tossici se respirati a lungo. Secondo le prime ricostruzioni, infatti, le esplosioni avrebbero diffuso nell’aria biossido di azoto, un gas tossico rilasciato da del nitrato di ammonio che sarebbe stato sequestrato nel 2014 da una nave mercantile e a quanto pare stoccato in un magazzino di petardi e materiale esplosivo.

La reazione di Trump

“Sembra un terribile attacco”. Si è espresso così Donald Trump dalla Casa Bianca a qualche ora dalle devastanti esplosioni che ieri hanno riportato il terrore a Beirut con decine di morti e migliaia di feriti. Ma tre fonti del Dipartimento della Difesa – coperte da anonimato – hanno poi riferito alla Cnn di non aver visto indicazioni sulla possibilità che le terribili esplosioni siano frutto di un attacco. Ma tre fonti della Difesa Usa anonime, citate dalla Cnn, hanno contraddetto il presidente, affermando che al momento non ci sono indicazioni di attacco.

esplosioni beirut
1
Ultimo aggiornamento 08:27
LEGGI COMMENTI

Articoli correlati