Ultimo aggiornamento mercoledì, 05 Agosto 2020 - 09:33

Festival di Ravello: Prima della Prima. La Musica non si ferma. In scena le colonne sonore della nostra vita

E si parte con omaggio a Ennio Morricone. Sulle note di C’era una volta l’America e La Leggenda del pianista sull’Oceano

Cultura
26 Luglio 2020 17:13 Di Juanuaria Piromallo
2'

Sul palco De Luca: “Responsabilità e serietà. “Campania sicura” è la nostra parola d’ordine”

Come era prevedibile tutto sold out. Morricone dirige Morricone, l’anteprima del Festival di Ravello che non si lascia “imbavagliare” dal Covid, ha incantato tutti. Meno di duecento poltrone davanti al palco “naturale” del Belvedere di Villa Rufolo, il palcoscenico più bello del mondo, sospeso tra il mare e il cielo stellato, all’ombra dei pini secolari. L’Orchestra Roma Sinfonietta per la prima volta in scena dopo la clausura forzata del lockdown e dopo la morte del maestro Morricone come il governatore De Lucalo ha ricordato “sobrio e elegante con lo stile da signor antico.
La bacchetta è passata al figlio Andrea che ha una conduzione più eclettica. Accompagnato dal sole che si tuffava a mare ha esordito con “Cinque meditazioni per la pace, tra cui lo struggente omaggio a Giovanni Falcone. Poi è salito sul palco Mariano Rigillo e la sua voce ha tuonato alcuni brani di “Se questo è un uomo” di Primo Levi, parole che devono rimanere scolpite come sulla pietra. Applausi e commozione per il Gran Finale dedicato al lei moti del Nuovo Cinema Paradiso, ovvero il bacio più lungo della storia del cinema.
Anche in piazza era stato allestito un megaschermo per il bello della diretta.
Ma la vera chicca è il dehors del Hotel Rufolo, cent’anni di tradizione, ci sono passati da Palmiro Togliatti a Jacqueline Kennedy, ancora a gestione familiare. I proprietari Rosaria e Luigi Schiavo conservano la grazia antica del ricevere, malgrado la perdita netta del 70 % di quota stranieri in meno rispetto agli anni passati. Andrea Morricone e la sua Orchestra erano loro ospiti. La terrazza profumata di gelsomino si affaccia sul giardino e sul palco del Belvedere. L’acustica è quasi perfetta. Richard Wagner ci arrivò a dorso di mulo, e qui, tra fiori esotici e cortine medievali, conobbe la vera estasi e trovò l’ispirazione per il II atto del Parsifal.

Festival di Ravello: Prima della Prima. La Musica non si ferma. In scena le colonne sonore della nostra vita Festival di Ravello: Prima della Prima. La Musica non si ferma. In scena le colonne sonore della nostra vita Festival di Ravello: Prima della Prima. La Musica non si ferma. In scena le colonne sonore della nostra vita

pagina Facebook di Januaria Piromallo

LEGGI COMMENTI

Articoli correlati