Ultimo aggiornamento sabato, 05 Dicembre 2020 - 22:04

E se Elena Boschi fosse la dama di picche della politica italiana? Lei che conosce bene il segreto delle tre carte…

Si alza il sipario sulla attesissima Prima del Massimo napoletano. Bella, bellissima, come solo Lei sa esserlo

Cultura
12 Dicembre 2019 19:47 Di Juanuaria Piromallo
4'

Una Prima coraggiosa, La Dama di Picche di Cajkovskij, compositore russo. Dunque cantata in russo da un cast d’eccezione di madre lingua russa. Alla fine gli applausi, sette minuti, scrosciano calorosi per il direttore musicale Juraj Valcuha. Ma sopratutto per lei per Rosanna Purchia, la sovrintendente, la zarina del San Carlo che per 12 anni ha traghettato il Massimo anche attraverso mari “agitati”, politici, sindacali.

Dopo la tempesta, la quiete e lo ha fatto approdare alla ribalta di scenari internazionali.
Applausi per il direttore artistico Paolo Pinamonti che coniuga fiuto e talento. Lasceranno un vuoto d’intelletto/chic: hanno amato questo teatro come fosse una creatura fragile, di cristallo, da difendere dagli attacchi esterni. Al loro posto direttamente dal Teatro la Scala e prima dall’Opera di Parigi, Stéphane Lissner.

Ci aspettiamo che segui la scia luminosa lasciata da chi se ne va. Applausi per le maestranze e per i tecnici per una volta chiamati anche loro alla ribalta, hanno lavorato sodo, hanno spostato tutte le scene a mano. Un allestimento scenografico imponente, la Luce “ soprana”, protagonista in un gioco di sfumature che andavano dal bianco luminoso, al grigio perlage, al grigio fumoso…a secondo degli stati d’animo in scena.

Applausi per il coro che hanno cantato in russo come fosse la lingua madre sotto la maestria di Gea Garatti Ansini. E proprio alla cena chicchsssima servita a lume di candela nel foyer (paccheri di gragnano al coccio e ricciola in crosta di granella di pistacchio) Valerio Cappelli, il numero uno dei critici teatrali, mi ricordava di quanto poco duttili di voce fossero i cantanti lirici nostrani, arieggiano nella lingua di Puccini, Verdi… ma non gorgheggiano in russo o in tedesco.

Ma che bel parterre madama dorè. A fare gli onori di casa Emmanuela Spedaliere, responsabile delle relazioni istituzionali. Ammantata di un silver scintillante ha ricevuto insieme al sindaco de Magistris Mary Helene Woods al secolo Maria Elena Boschi, di Prada vestita. Lo stilista Alessio Visone, da enfant prodige della Alta Moda a erede del monumentale Sarli, ha vestito tutte le signore della Napoli bien.

A cominciare da Annapaola Merone, penna fashion del Corriere, in broccato argentato Roberta Buccino Costa, in nero, chiffonosa, stilosa. In raso verde e piume Gabriella Giglio, Bianca de Tommasis Bonaduce, Isa Paola Telese e Fiorella Elegante e svettante Marta Catuogno, leader di Aidda, associazione imprenditrici donne.

I gentiluomini in smoking sartoriali Isaia, con revers in velluto pettinato bordeau: Mino Cuciniello, Giorgio Nocerino, Sergio Cappelli, Gigi Mingione, Carmine Arnone, l’architetto Cherubino Gambardella. Quello di Sergio Cappelli era impreziosito dalla scritta glitter “Amo solo la donna di cuore”…E sorride verso Tiziana Stella, bellissima versione di una Sofia Loren di altri tempi.

Chi scrive era vestita vintage, abito sartoriale che mia madre si fece per una prima al San Carlo 40 anni, raso, velluto e visone e bottoni gioiello. Rivisitato sempre da Alessio Visone con cappello appartenuto alla duchessa Elena Serra di Cassano con veletta. Circolava nel foyer la battuta: Se Milano non avesse la Scala e il panettone sarebbe “terrona”!

P.S. A Madame Purchia e a Monsieur Pinamonti, un augurio dal profondo: Ad maiora semper

E se Elena Boschi fosse la dama di picche della politica italiana? Lei che conosce bene il segreto delle tre carte… E se Elena Boschi fosse la dama di picche della politica italiana? Lei che conosce bene il segreto delle tre carte… E se Elena Boschi fosse la dama di picche della politica italiana? Lei che conosce bene il segreto delle tre carte… E se Elena Boschi fosse la dama di picche della politica italiana? Lei che conosce bene il segreto delle tre carte… E se Elena Boschi fosse la dama di picche della politica italiana? Lei che conosce bene il segreto delle tre carte… E se Elena Boschi fosse la dama di picche della politica italiana? Lei che conosce bene il segreto delle tre carte… E se Elena Boschi fosse la dama di picche della politica italiana? Lei che conosce bene il segreto delle tre carte… E se Elena Boschi fosse la dama di picche della politica italiana? Lei che conosce bene il segreto delle tre carte… E se Elena Boschi fosse la dama di picche della politica italiana? Lei che conosce bene il segreto delle tre carte… E se Elena Boschi fosse la dama di picche della politica italiana? Lei che conosce bene il segreto delle tre carte… E se Elena Boschi fosse la dama di picche della politica italiana? Lei che conosce bene il segreto delle tre carte… E se Elena Boschi fosse la dama di picche della politica italiana? Lei che conosce bene il segreto delle tre carte…
E se Elena Boschi fosse la dama di picche della politica italiana? Lei che conosce bene il segreto delle tre carte…

E se Elena Boschi fosse la dama di picche della politica italiana? Lei che conosce bene il segreto delle tre carte…

FB pagina januaria piromallo

LEGGI COMMENTI

Articoli correlati