Ultimo aggiornamento lunedì, 11 Novembre 2019 - 21:31

Trucidato a Terracina, condannato il killer di Gaetano Marino

Il fratello di Gennaro 'Mckay detto 'Moncherino, fu ucciso nella località balneare in piena faida di Scampia. La moglie è sposata con Tony Colombo

Cronaca
8 Novembre 2019 13:00 Di redazione
1'

È stato ucciso sul lungomare i Terracina, località balneare in provincia di Roma (nel basso Lazio), ad agosto del 2012. Quella di Gaetano Marino doveva essere una vacanza, una fuga dal sangue versato tra le strade di Scampia.

Invece, l’allora marito di Tina Rispoli (oggi sposata con il cantante neomelodico Tony Colombo), trovò la morte. Fu ucciso in pieno giorno, i killer fecero fuoco non curanti degli altri passanti che si trovavano li in quel momento.

Ieri, dopo 7 anni, il collaboratore della giustizia Pasquale Riccio ha ammesso di aver preso parte all’agguato. Per questo ha patteggiato e – secondo quanto riportato da Il Mattino, è stato condannato a 6 anni e 8 mesi di carcere. La sentenza ha riguardato il processo d’appello.

Marino che insieme al fratello Gennaro ‘Mckay facevano parte di un sodalizio potente di Scampia (protagonisti della violenta faida che li vide prima alleati e poi nemici del clan Di Lauro), fu trucidato con 11 colpi d’arma da fuoco.

Trucidato a Terracina, condannato il killer di Gaetano Marino
LEGGI COMMENTI