Ultimo aggiornamento lunedì, 18 Novembre 2019 - 22:30

Napoli, giovane crew Hip Hop napoletana ricevuta dalla Clemente: “Il ballo come scopo sociale”

I 9 membri del gruppo stanno portando in giro per Napoli l'arte della danza urbana. L'obiettivo è creare nuove opportunità per i giovani

Cultura
8 Novembre 2019 18:18 Di Andrea Aversa
1'

La danza come mezzo sociale e culturale. La street dance come unione di due linguaggi: quello del corpo e della musica, con quello delle periferie. Lo scopo? Offrire nuove opportunità artistiche per i giovani più a rischio.

Ci sono tutti i migliori presupposti per la crew R.N.F. (Rall n’ Facc) formata da Luca Di Prisco (in arte Lou Simba), Titti FerraroIlaria GentileAnna Onero, Angelo ScalpellinoNadira PeirisEmanuele Catone, e la “piccola mascotte” Antonio Russo.

Questi ragazzi dopo aver girato le strade dell’area metropolitana di Napoli (centro e periferie), sono stati ricevuti dall’Assessore Alessandra Clemente. Il progetto nato nel 2015 (ma gli street show hanno avuto inizio lo scorso anno) all’interno della scuola Tan Centro studi Danza e Teatro (della maestra Maria Mangiapia), ha varcato le porte di Palazzo San Giacomo.

Napoli, la "Crew" della Street Dance napoletana ricevuta dalla Clemente: "Il ballo come scopo sociale" Napoli, la "Crew" della Street Dance napoletana ricevuta dalla Clemente: "Il ballo come scopo sociale" Napoli, la "Crew" della Street Dance napoletana ricevuta dalla Clemente: "Il ballo come scopo sociale"
LEGGI COMMENTI