Ultimo aggiornamento sabato, 16 febbraio 2019 - 21:15

Raggiunta da un proiettile mentre torna a casa, il video di Elaine e l’annuncio: “Via da Napoli”

Video
8 Febbraio 2019 10:04 Di redazione
3'

Tornava a casa con il fidanzato quando nella notte tra domenica e lunedì scorso è stata raggiunta da un proiettile alla gamba durante l’ennesima stesa di camorra. Elaine Del Jesus Matos, 19 anni, ha immortalato tutto in un video.

Si trovava in vico Santa Maria della Punità, nel quartiere Materdei. Era in compagnia del fidanzato e stava rincasando quando all’improvviso si sente arrivare un motorino, probabilmente in un vicoletto vicino, pochi secondi dopo si sentono gli spari. Almeno quattro. Poi le urla della ragazza che si accascia a terra e chiede aiuto al fidanzato.

Trasportata all’ospedale dei Pellegrini nella Pignasecca, Eaine è stata operata nei giorni successivi ed ora è tornata nell’abitazione dove convive con il fidanzato. Intervistata dal Tgr Campania, la giovane domenicana ha annunciato di voler lasciare Napoli e ritornare dalla madre che vive a Salerno. “Troppa violenza qui. Non li perdono per quello che hanno fatto”.

Proseguono intanto le indagini dei carabinieri del Comando Provinciale di Napoli. Due le ipotesi al vaglio degli inquirenti che hanno anche preso visione della immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona. La prima è quella relativa a un possibile inseguimento con due persone a bordo di uno scooter, con il volto coperto da caschi integrali, che avrebbero tentato di colpire un rivale. La seconda è quella di una stesa (esplosione colpi d’arma da fuoco a scopo intimidatorio) per lanciare un messaggio a qualche pregiudicato nemico che vive nella zona.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori negli ultimi mesi nel centro storico sono in corso nuove fibrillazioni tra clan. Nonostante gli arresti degli ultimi anni, la camorra continua a riorganizzarsi. A contendersi il controllo degli affari illeciti nel centro storico della città di Napoli ci sono due grandi fazioni. Da una parte il gruppo legato ai Saltalamacchia-Lepre-Cianciulli-Ricci, che controllano la zona che va dai Quartieri Spagnoli al Cavone (nonostante il ritorno del boss Ciro Mariano), dall’altra si registra il rafforzamento dei Sequino del Rione Sanità, supportati dalla famiglia Mauro.

Poi ci sono alleanze e tensioni con le famiglie malavitose che dai Decumani a Forcella completano la mappa malavitosa del centro storico. Dai Farraiuolo ai De Martino-Vicorito passando per i Perez-Iodice. Sullo sfondo i Mazzarella e l’Alleanza di Secondigliano (Licciardi-Contini-Mallardo).

1
Ultimo aggiornamento 10:04
LEGGI COMMENTI