Ultimo aggiornamento domenica, 24 giugno 2018 - 21:30

Strage di Cisterna: Antonietta Gargiulo esce dalla prognosi riservata

News
13 marzo 2018 12:58 Di Fabiana Coppola
2'

E’ di poco fa la notizia che arriva direttamente dall’ospedale San Camillo di Roma, Anotnietta Gargiulo è uscita dalla prognosi riservata. La 39enne originaria di Melito di Napoli, ferita con tre colpi di pistola a Cisterna di Latina dal marito, il carabiniere Luigi Capasso, che ha poi ucciso le due figlie e si e’ suicidato, non è più in pericolod di vita. Lo ha reso noto il programma di Rai Tre ‘Chi l’ha visto?’ nella puntata di quetsa mattina.

LA LETTERA DOPO LA STRAGE: “PRIMA L’INFERMO, MA DOPO SARA’ PEGGIO”

Dopo l’operazione alla mandibola della scorsa settimana, i sanitari hanno dato il nulla osta per il trasferimento della donna dalla terapia intensiva al reparto di chirurgia generale. Antonietta migliora costantemente ed è assistita dai familiari e da uno staff di psicologi che si alternano al suo capezzale, fa sapere l’inviato della trasmissione. La mamma di Alessia e Martina, uccise dal loro stesso padre lo scorso 28 febbraio, ha saputo della tragica notizia poco dopo il risveglio e adesso familairi e medici non la perdono d’occhio un momento.

IL DRAMMA NELL’APPARTAMENTO, LE BAMBINE UCCISE DALLA FOLLIA DEL PADRE

Proprio qualche giorno fa è stata resa nota la tecnica che lo staff sanitario del San Camillo ha utilizzato per comunicare alla 39enne quanto accaduto. L’anestetista ha spiegato alla donna il motivo del suo ricovero e le ha ricordato l’aggressione subita dal marito. Non potendo parlare, perchè appena operata alla mandibola, la mamma delle bimbe ha battuto le palpebre facendo capire che ricordava l’accaduto. A quel punto il fratello e la cognata hanno salutato Antonietta facendole capire di essere felici per il suo risveglio. Infine l’annuncio drammatico dato da una delle psicologhe che seguirà il caso. Non appena Antonietta ha saputo che Alessia e Martina erano state uccise dal padre ha chiuso gli occhi per due minuti e ha stretto con forza il lenzuolo con una mano. I medici hanno dunque sedato nuovamente la 39enne.

1
Ultimo aggiornamento 12:58
LEGGI COMMENTI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi