Ultimo aggiornamento sabato, 20 gennaio 2018 - 13:41

Verdi “vuole giocare” e tiene il Napoli sulle spine. E se ci fosse stata la Juve?

Al Bologna guadagna attualmente 600mila euro a stagione. A Napoli prenderebbe almeno il doppio

Calcio Napoli
9 gennaio 2018 12:27 Di Ciro Cuozzo
3'

Siamo alle solite. Ci sono giocatori che come spesso accade hanno bisogno di riflettere più del dovuto prima di accettare l’offerta del Napoli. E’ il caso, in questi giorni, di Simone Verdi. L’esterno offensivo, 25 anni, di proprietà del Bologna si è preso del tempo per valutare con attenzione la proposta dell’attuale capolista della Seria A, della squadra che da sette anni di fila partecipa alle competizioni europee e che esprime un calcio ammirato in tutto Europa.

Il motivo? Non è sicuro di un posto da titolare. E ci mancherebbe aggiungiamo noi. Verdi è uno dei talenti emergenti del campionato italiano anche se ha “già” 25 anni e la sua esplosione in serie A è avvenuta nello scorso campionato con la maglia rossoblu. Insomma, non stiamo parlando di un top player assoluto ma di un buon giocatore che a Napoli potrebbe trovare la sua consacrazione grazie anche al gioco di Maurizio Sarri, che lo ha allenato in passato a Empoli.

Certi treni non passano tante volte in una carriera da calciatore. Verdi al Bologna guadagna attualmente 600mila euro a stagione. A Napoli prenderebbe almeno il doppio. Non avrà sin da subito la maglia da titolare ma potrà rivelarsi un’ottima alternativa a disposizione di Sarri. Il Napoli dal canto suo, arrivando ad offrire oltre 25 milioni di euro, crede molto nelle sue potenzialità. Questo però non basta al calciatore. Lui vorrebbe giocare e continua a tenere il Napoli sulle spine così come ribadito dal suo agente Donato Orgnoni a Kiss Kiss Napoli: “Ci siamo presi una pausa di riflessione, appena torna dalle vacanze ci siederemo io e lui dinanzi ad un tavolo e decideremo”.

Magari alla fine verrà davvero alla pendici del Vesuvio. Ma siamo sicuri che se ci fosse stata la Juventus al posto del Napoli, Verdi avrebbe già accettato ad occhi chiusi, a prescindere da una maglia da titolare che in bianconero difficilmente avrebbe (in quel caso si parlerebbe di “occasione della vita”, di “offerta irrinunciabile”, di “sogno che si avvera”).

Verdi dunque risolva i suoi rebus, i suoi finti problemi. A Napoli c’è bisogno di gente motivata, affamata, che possa dare un contributo concreto in questa seconda parte di stagione fondamentale per arrivare a vincere un campionato dopo quasi 30 anni. Il posto da titolare si conquista giocando anche 10-15 minuti nelle battute iniziali. Verdi è affamato? Altrimenti potrà continuare a dire la sua solo in una squadra medio piccola.

1
Ultimo aggiornamento 12:27
LEGGI COMMENTI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi