Ultimo aggiornamento martedì, 12 dicembre 2017 - 13:12

L’Italia è arretrata sull’utilizzo delle tecnologie nei musei, Napoli invece è all’avanguardia

Cultura
12 ottobre 2017 15:21 Di Valentina Giungati
3'

Stamane presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli ha avuto luogo il convegno organizzato dal CNR su “Ricerca e tecnologia per il patrimonio culturale”. In apertura l’intervento di Antimo Cesaro, sottosegretario al Ministero per i Beni e le Attività Culturali: “Solo il 57% dei musei italiani ha un sito web, il 41% possiede account sui social network (Facebook, Twitter, Instagram), mentre soltanto il 25% ha un servizio di newslettering. Ancor più allarmanti i dati che riguardano l’utilizzo delle nuove tecnologie nei siti culturali italiani: allestimenti interattivi o ricostruzioni virtuali sono adottati soltanto dal 20% dei musei, e la connessione wi-fi gratuita è offerta dal 19%. QR code, servizi di prossimità, catalogo accessibile online o visita virtuale del museo dal sito web hanno una diffusione che non supera il 14%”.

Il sottosegretario ha esplicato il rapporto italiano tra fruizione dei beni culturali e l’utilizzo delle nuove tecnologie: “Le nuove tecnologie da sole non bastano – evidenzia il sottosegretario del MIBACT – perché ogni innovazione deve essere guidata da risorse umane adeguatamente formate per le nuove sfide che attendono la valorizzazione del nostro patrimonio culturale e da questo punto di vista è fondamentale il lavoro di alta formazione che si svolge in importanti Università come il Suor Orsola o nei centri di ricerca come il CNR per formare le generazioni presenti e future che dovranno lavorare nei processi di gestione e valorizzazione dei beni culturali accompagnandone la rivoluzione tecnologica”.

La Campania è in prima fila nel settore dei beni culturali in termini di innovazione rispetto al quadro italiano dove l’80% dei Musei non offre servizi di interattività al visitatore. Uno dei grandi esempi di nuove tecnologie e potenzialità in questo settore è il MANN – Museo archeologico nazionale di Napoli, il direttore Paolo Giulierini ha sottolineato un record storico e un piano strategico per implementare l’utilizzo delle nuove tecnologie. “Si tratta di pensare a nuove modalità di considerare e veicolare i contenuti culturali e turistici ed è un percorso che proseguiremo attraverso app, realtà aumentata e stampe e modelli 3d per l’esplorazione tattile.  L’obiettivo è quello di coinvolgere il pubblico attraverso strumenti di mediazione tecnologica, senza mai dimenticare che le risorse umane hanno un ruolo prevalente rispetto alla tecnologia” ha spiegato Giulierini.

LEGGI COMMENTI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi