Ultimo aggiornamento giovedì, 17 agosto 2017 - 21:53

Via Firenze in mano agli immigrati, lo sfogo dei residenti: “Intrappolati in casa” [VIDEO]

Cronaca
7 agosto 2017 14:24 Di Ciro Cuozzo
3'

Via Firenze, via Genova, via Bologna, via Milano e tante altre stradine adiacenti. Sono le vie in mano ai migranti a Napoli, nella zona della Stazione Centrale, dove negli ultimi giorni, dopo le numerose segnalazioni dei residenti del quartiere Vasto, la questione è salita prepotentemente alla ribalta mediatica.

Residenti “esasperati” e “intrappolati” nel loro quartiere a causa della presenza di numerosi immigrati sorpresi a dormire, con mezzi di fortuna, in strada o addirittura sulle auto. Immigrati completamente abbandonati al loro destino che provano a sopravvivere grazie ai proventi dello spaccio, degli scippi, delle bancarelle abusive e della prostituzione. Così via Firenze e le vie limitrofe sono diventate da anni “zone franche“, dove soprattutto di notte è pericoloso incamminarsi. Dove sono all’ordine del giorno liti, risse (tra di loro) oltre ad aggressioni a residenti, turisti e anche forze dell’ordine.

L’ultima è avvenuta nelle scorse ore sempre in via Firenze quando nel corso di un controllo effettuato nell’ambito del programma Strade sicure, i militari sono stati aggrediti da un gruppo di cittadini stranieri solo perché avevano fermato, immobilizzandolo al suolo, un giovane di colore per un controllo. Così i soldati sono stati accerchiati e aggrediti verbalmente. Non sono mancati spintoni fino a quando gli immigrati sono riusciti a trascinare l’amico lontano da eventuali guai.

Una vicenda subito cavalcata dal leader della Lega Nord, Matteo Salvini, che su Facebook ha invitato tutti a diffondere il video in rete: “L’AVETE VISTO IN QUALCHE TG??? DIFFONDIAMO ALMENO IN RETE! Napoli, zona stazione. Uomini del nostro Esercito vengono accerchiati e aggrediti da decine di immigrati che volevano impedire l’arresto di uno di loro…! Ormai siamo alla guerriglia urbana. BASTA!!! P.s. Solidarietà agli abitanti del quartiere, purtroppo con il sindaco che si ritrovano, amico di clandestini e centri sociali…”. Lo stesso Salvini però non ha ancora scritto nulla sul suo sindaco amico (politicamente parlando) di Torre del Greco, Ciro Borriello, arrestato lunedì mattina dalla Guardia di Finanza per corruzione.

Una situazione che ha spinto alcuni residenti riuniti nel gruppo (anche su Facebook) “Comitato Quartiere Vasto” a indire una petizione popolare per sensibilizzare le istituzioni, e sopratutto il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, a risolvere quanto prima la questione. Al momento le firme raccolte sfiorano il migliaio. Di contro, è giusto sottolinearlo, c’è l’assenza delle istituzioni che abbandonano alla vita da strada queste persone.

2
Ultimo aggiornamento 14:24
LEGGI COMMENTI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi