Ultimo aggiornamento lunedì, 18 Novembre 2019 - 22:30

Miracolo di San Gennaro, il ritardo: cosa è accaduto ogni volta

Cultura
16 Dicembre 2016 15:22 Di Fabiana Coppola
2'

Uno degli eventi più atteso dai napoletani è il miracolo di San Gennaro, il patrono di Napoli. La liquefazione del sangue avviene in due giorni precisi dell’anno: il 19 settembre, giorno del martirio del santo e il 16 dicembre, quando il santo fermò la lava dovuta all’eruzione del Vesuvio nel 1631.

E’ il cardinale ad alzare l’ampolla contenente il sangue e ad annunciare il miracolo, ma a quanto pare in questa giornata, in cui si attende la liquefazione, il miracolo sta tardando: il sangue si sta coagulando ogni volta che si scioglie. Non è la prima volta che questo accade, e ogni qual volta che San Gennaro ha ritardato il miracolo si sono verificate delle sventure.

IL MIRACOLO DI SAN GENNARO NON AVVIENE, CITTÀ IN ANSIA

Secondo quanto riporta il blog di Fabrizio Reale, Laboratorio Napoletano, il Santo ha tardato il miracolo nel settembre del 1939 e del 1940: anno del secondo conflitto mondiale e dell’entrata in guerra dell’Italia. Ci sono poi altre date collegate ad episodi nefasti: settembre 1943, occupazione nazista; settembre 1973, diffusione colera a Napoli; settembre 1980, anno del terremoto in Irpinia.

I napoletani sono legati fortemente a questo evento prodigioso anche se in molti credono che il “miracolo” sia piuttosto un effetto chimico dovuto alla processione. Sicuramente l’evento è per i partenopei un segno di buon auspicio o, qualora non avvenga, un cattivo presagio.

LEGGI COMMENTI