Ultimo aggiornamento martedì, 29 Settembre 2020 - 12:18

Paranza dei bimbi: minacce choc del boss Ciro Contini

Cronaca
21 Maggio 2016 18:52 Di Sveva Scalvenzi
2'

Sono emersi importanti particolari riguardo al gruppo noto con il nome”Paranza dei bimbi”. Giorni fa era stato arrestato Ciro Contini, uno degli ultimi esponenti del clan Sibillo, che unito alle famiglie Giuliano/Brunetti/Amirante, componeva la sopracitata “Paranza dei bimbi”, smantellata giorni fa con ben 20 arresti.

A rivelare i particolari degli affari gestiti dall’organizzazione criminale è stato un pentito Bruno Esposito. Durante gli interrogatori, come riporta il quotidiano online InterNapoli, l’uomo ha raccontato che Ciro Contini utilizzava metodi e toni violenti per rivolgersi alle persone con cui gestiva gli “affari”.

Le minacce più forti di Ciro Contini erano rivolte a chi gli doveva dei soldi. I toni, riportati dal pentito sono molto forti e sebbene siano minacce verbali, non è detto che il boss non le avrebbe messe in atto, qualora qualcuno non avesse rispettato i suoi comandi.

Bruno Esposito ha raccontato cosa avrebbe detto Ciro Contini ad una persona che aveva un debito con lui. Stando a quanto dichiarato dal pentito, il boss dopo aver saputo che questa persona doveva ancora pagare un ingente somma di denaro, gli avrebbe telefonato, dicendogli:

“Ciro ha chiamato Pietro e l’ha minacciato gravemente: se non lo avesse pagato lo avrebbe ucciso e gli avrebbe violentato la figlia”.

Parole molto forti, che ben lasciano intendere la spietatezza che contraddistingue questi gruppi criminali. Frasi che sembrano essere prese dal copione della fiction Gomorra, in onda su Sky Atlantic e che, invece, sarebbero state dette da un boss vero e proprio.

LEGGI COMMENTI