Voce di Napoli | Navigazione

Angela morta a Pozzuoli dopo dimissioni ospedale, la zia: “Mi ha detto non respiro”

La zia di Angela Brandi morta a 24 anni poco dopo essere stata dimessa dall’ospedale ha raccontato gli ultimi istanti di vita. Angela Vitale per la 24enne era come una seconda madre, è straziata dal dolore e ciò nonostante è riuscita a ripercorrere quei terribili attimi che hanno preceduto la morte della nipote.

Angela Brandi muore a 24 anni parla la zia

In un’intervista a Il Mattino ha raccontato cosa le ha detto Angela prima di andarsene per sempre: “Mi ha detto zia non respirò più, le ho preso la mano e ha smesso di parlare“.

La zia di Angela spiega anche cosa è successo in ospedale, dove lei ha raggiunto la nipote poco dopo il suo arrivo: “La prima volta, qualche ora prima, si era fatta accompagnare dal suo datore di lavoro, ma io l’ho subito raggiunta: mentre si trovava dentro l’ho sentita al telefono e lei mi ha detto “zia io ho un dolore in petto”. A quel punto sono entrata e ho chiesto al medico di fare controlli più approfonditi e farla visitare da uno specialista, magari da uno pneumologo perché le sue condizioni mi sembravano strane, ma mi è stato risposto di stare tranquilla e che il sangue era dovuto a una varice. Un medico mi ha anche accusata di volermi sostituire a loro, mentre una infermiera del triage mi ha trattata in malo modo“»”. 

Dopo la visita Angela è stata dimessa, anche la zia credeva che la nipote stesse bene, sono tornate prima a casa e poi sono uscite: “Siamo andate a fare la spesa al supermercato ma non siamo nemmeno arrivate che ha fatto un forte colpo di tosse e le è uscito un sacco di sangue da naso e bocca. L’ho messa in macchina, siamo corse verso l’ospedale. Era piena di sangue, come l’ho trovata sul lettino dell’ospedale, quando dopo due ore di attesa ci hanno comunicato il decesso“.

Secondo la donna la colpa è dei medici del pronto soccorso che non l’avrebbero visitata bene, n’è certa: “Se fossero stati più scrupolosi si sarebbe salvata“.