Voce di Napoli | Navigazione

Estorsioni e camorra a Napoli, le intercettazioni al clan Mazzarella: “Andiamo dai neri e poi ‘bum’ nel cervello”

Ieri gli agenti della squadra mobile di Napoli hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare ai danni di oltre 20 persone ritenute affiliate a clan Mazzarella. Quest’ultimo è un sodalizio criminale egemone in più zone di Napoli.

Nel mirino degli inquirenti sono finiti i traffici illeciti che avvengono nel quartiere della Maddalena. Nello specifico, il giro delle estorsione ai danni degli ambulanti extracomunitari. La Repubblica ha riportato alcuni stralci delle intercettazioni:

A 40 neri devo arrivare. Andiamo sotto le case loro la sera, bussiamo, entriamo con le pistole in mano…bum in mezzo al cervello. Cornuti, là dentro non dovete venire più. Altrimenti dovete portare 100 euro a settimana. Poi andate dalle guardie? Chiama, gli sfondiamo la testa“, queste le parole di Massimo Ferraiuolo, alias ‘Mortadella, una delle persone arrestate.

TUTTI I NOMI DELLE PERSONE ARRESTATE

Enzo Barattolo;
Alessandro Bilotti;
Gennaro Cappuccio;
Francesco Cecero;
Antonio D’Andrea;
Pietro De Filippis;
Massimo Ferraiuolo;
Salvatore Ferraiuolo;
Ciro Garofalo;
Gaetano Gemei;
Rosaria Liguori;
Vincenzo Lucci;
Antonio Manzi;
Marco Micillo;
Leonardo Nisi;
Salvatore Ricciardi;
Giovanna Romaniello;
Pasquale Salvia;
Antonio Tubelli;
Alberto Virente;
Antonietta Virenti.

AI DOMICILIARI

Gaetano Della Porta, Ciro Presiteri, Daniele Riccio, Maurizio Virente.