Ultimo aggiornamento venerdì, 04 Dicembre 2020 - 22:30

Nino D’Angelo e la depressione: “Ero in cura, non potevo alzarmi”

Nino D'Angelo e la depressione. Il musicista e cantante napoletano si è raccontato a '7' inserto de Il Corriere della Sera

Spettacolo
21 Novembre 2020 18:32 Di redazione
2'

Un’intervista a cuore aperto quella che ha rilasciato Nino D’Angelo7 inserto de Il Corriere della Sera. L’artista napoletano si è raccontato con la solita genuinità che lo ha sempre contraddistinto: le origini, l’amore per la musica e il futuro.

Così Nino D’Angelo ha iniziato a parlare della sua famiglia e di come quando era bambino si esprimeva timidamente con le parole. Così nacque un tema che colpì le maestre. Poi il lavoro e l’umiltà di una famiglia nata e vissuta a San Pietro a Patierno quartiere dell’area Nord di Napoli.

Nino D’Angelo e la depressione

Tutto ha avuto inizio con i matrimoni, grazie alla passione del nonno. Poi i primi dischi, i film e una carriera che è stata in continua evoluzione. Ora Nino D’Angelo, cantante e musicista – dopo l’esperienza del Teatro Viviani – ha pronti diversi progetti musicali e un libro.

Ma non è stato tutto oro quello che è luccicato. C’è stato un periodo brutto e difficile che ha caratterizzato la vita del Maestro, il neomelodico più amato di sempre: quello della depressione. “I miei genitori erano morti ed io mi sentivo imprigionato dal mio caschetto. Era tutto buio, ho sofferto e sono stato in cura. Non riuscivo neanche ad alzarmi dal letto“.

Le commoventi parole della mamma della piccola ferita dai proiettili della camorra "A chi lo diciamo che porti il busto invece di giocare?"
LEGGI COMMENTI

Articoli correlati