Ultimo aggiornamento sabato, 17 Aprile 2021 - 21:40

Gasperini si confessa: “Con il covid ho pensato di morire”

News
31 Maggio 2020 18:12 Di Verdiana Perrotta
2'

“Dieci giorni fa i test sierologici hanno confermato che ho avuto il Covid-19”. Gian Piero Gasperini lo ha rivelato in una intervista su la Gazzetta dello sport.
Ora l’allenatore sta bene ed è pronto a ripartire con la sua Atalanta, che presto scenderà in campo. “L’Atalanta – dice – può aiutare Bergamo a ripartire, nel rispetto del dolore e dei lutti. La squadra è rimasta connessa con la sofferenza di Bergamo e la porterà in campo”.
Gasperini racconta la sua brutta avvenuta con il Covid, iniziata il 10 marzo. “Il giorno prima della partita di Valencia stavo male, il pomeriggio della partita peggio – racconta – Non sentivo la febbre ma mi sentivo a pezzi”.

Sabato 14 dopo un duro allenamento “avevo perso il gusto, la colomba mi sembrava pane”. “Le due notti successive a Zingonia ho dormito poco. Non avevo la febbre, ma mi sentivo a pezzi come se l’avessi avuta a 40 – aggiunge l’allenatore – Ogni due minuti passava un’ambulanza. Lì vicino c’è un ospedale. Sembrava di essere in guerra. Di notte pensavo: se vado lì dentro, cosa mi succede? Non posso andarmene ora, ho tante cosa da fare. Lo dicevo scherzando, per esorcizzare. Ma lo pensavo davvero. Sono rimasto tre settimane a Zingonia. Poi a Torino ho sempre rispettato il distanziamento da moglie e figli. Senza febbre non ho mai fatto il tampone. Dieci giorni fa i test sierologici hanno confermato che ho avuto il Covid-19. Ho gli anticorpi, che non vuol dire che ora sono immune”.

LEGGI COMMENTI

Articoli correlati