Ultimo aggiornamento martedì, 31 Marzo 2020 - 22:45

Bianca Berlinguer fa passo indietro e chiama prof Ascierto: “Iscritti alla nostra sperimentazione 464 ospedali”

Salute
25 Marzo 2020 11:22 Di redazione
2'

L’ultima puntata di Carta Bianca, andata in onda nella serata di martedì, ha messo la parola fine alla polemica nata a seguito del dibattito, avvenuto nello stesso programma tra il professor Paolo Ascierto e il professor Massimo Galli. Bianca Berlinguer sembra aver fatto un passo indietro rispetto alla settimana scorsa, quando era stata accusata di non aver dato il giusto spazio al direttore dell’Unità di Immunologia clinica dell’Istituto Pascale. 

Così la Berlinguer ha scelto di invitare nuovamente il professor Ascierto per fare con lui il punto della situazione sulla sperimentazione che è stata avviata all’Istituto Pascale, riconoscendogli di fatto quel primato che il professor Galli aveva smentito una settimana fa. Il dottore napoletano ha spiegato come la cura con il Tocilizumab sia al vaglio dell’Aifa che ha appunto avviato una sperimentazione.

Le parole del professor Ascierto a Carta Bianca

“In questo momento c’è la sperimentazione, poco fa sul sito dell’Aifa è stato riportato anche il bollettino, dove si dice che è stato completato l’arruolamento dello studio prospettico di fase 2, 330 pazienti. Si sono iscritti – ha spiegato il professor Ascierto – 464 siti, quindi ospedali, 209 hanno inserito perlomeno un paziente e in questo momento continua anche lo studio prospettico. Prima dello studio l’azienda che produce il Tocilizumab ne aveva distribuito più di 1000 trattamenti e comunque continua la distribuzione. Possiamo dire che sono centinaia attualmente i pazienti trattati con questa cura”.

La Berlinguer ha poi evidenziato come il professor Ascierto abbia ottenuto dei miglioramenti soprattutto nella fase più grave della malattia: “Quello che abbiamo visto – ha concluso il prof Ascierto – come oncologi che utilizziamo l’immunoterapia, è che alcuni effetti collaterali sono simili ai processi che avvengono nel Covid-19, l’artrite reumatoide è una malattia autoimmunitaria, da qui l’idea di utilizzare il Tocilizumab. In questo momento aspettiamo i dati della sperimentazione che sono gli unici che con rigore scientifico possono fornire un quadro generale”. Per i dati bisognerà attendere ancora un po’, come ha spiegato il professor Ascierto, considerato che è stato chiuso l’arruolamento, arriveranno non prima di quattro settimane.

Per vedere l’intervento del professor Ascierto a Carta Bianca, clicca qui (2.05.00)

Professor Ascierto a Carta Bianca
2
Ultimo aggiornamento 11:22
LEGGI COMMENTI