Ultimo aggiornamento lunedì, 18 Novembre 2019 - 22:30

Bomba d’acqua su Napoli, crolli nel sottopasso di Fuorigrotta: automobile colpita

Cronaca
9 Novembre 2019 12:20 Di redazione
2'

Bombe d’acqua si stanno abbattendo su Napoli da questa mattina creando non pochi disagi per tutti. Nel sottopasso Claudio, nel quartiere Fuorigrotta di Napoli, un’automobile è stata colpita da alcuni calcinacci caduti.

La caduta molto probabilmente si è verificata per le forti piogge che stanno interessando da ore la città. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia municipale, la protezione civile ed i vigili del fuoco. Dopo un intervento di spicconamento, il sottopasso è stato riaperto al traffico. Il conducente della vettura, come riporta il Mattino, non è rimasto ferito.

La protezione Civile della Regione Campania ha emanato un nuovo avviso di avverse condizioni meteo: la criticità idrogeologica di colore Giallo prosegue fino alle 9 di domenica mattina.

La perturbazione che sta insistendo sulla nostra regione si sta però leggermente spostando, sempre all’interno del territorio campano: per questo motivo dalle 9 di domani mattina l’allerta riguarderà tutte le zone ad eccezione della 2 (Alto Volturno e Matese) e della 4 (Alta Irpinia e Sannio) a differenza di quella in atto fino alle 9 di domani che escludeva la zona 4 (Alta Irpinia e Sannio) e la 7 (Tanagro).

Si prevedono, nelle zone in cui vige o entra in vigore l’allerta Gialla “Precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, puntualmente anche di moderata intensità. Possibili raffiche di vento nei temporali“. I possibili rischi riguardano “Ruscellamenti superficiali con possibili fenomeni di trasporto di materiale; allagamenti di locali interrati e di quelli a pian terreno; Scorrimento superficiale delle acque nelle sedi stradali e fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche con tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse; Innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori con inondazioni delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature, restringimenti, ecc); caduta massi in più punti del territorio; Fenomeni franosi superficiali legati a condizioni idrogeologiche particolarmente fragili, in bacini di dimensioni limitate per effetto della saturazione dei suoli“.

1
Ultimo aggiornamento 12:20
LEGGI COMMENTI