Ultimo aggiornamento giovedì, 22 Agosto 2019 - 20:12

Lo ‘sgarro’ del prete al funerale, “ora o mai più”. Poi scatta la ‘raccomandazione’ del sagrestano

Lo spiacevole episodio ha coinvolto una famiglia che purtroppo visto caratterizzare il proprio ferragosto dalla scomparsa di una parente

Cronaca
15 Agosto 2019 16:27 Di Andrea Aversa
2'

Che ferragosto sia una giornata particolare nessuno lo ha mai messo in dubbio. Ma alla morte non si comanda. Né è possibile prevederne l’arrivo. Così una famiglia napoletana dei Quartieri Spagnoli, già traumatizzata per la scomparsa di una cara parente nel pieno delle vacanze, ha dovuto affrontare una spiacevole vicenda alla vigilia dei funerali.

Temperature altissime, caldo torrido e il dolore che riempie il cuore. Due nipoti della vittima si sono recati in una chiesa vicino casa per chiedere informazioni al prete di turno per svolgere il rito funebre. Il parroco di sempre non c’era, giustamente si trovava in vacanza. Ma al suo posto hanno incontrato un sostituto.

Quest’ultimo, considerato il giorno della Madonna Assunta, avrebbe risposto in modo scortese alle due donne: “Il funerale o lo facciamo subito o mai più“. Secondo quanto appreso da VocediNapoli.it, al quale è stata segnalata questa storia, le parenti della defunta sarebbero rimaste spiazzate da questa risposta.

E come lo facciamo oggi, nostra zia è deceduta stamattina presto. Senza l’organizzazione delle pompe funebri non possiamo fare nulla“, ma il parroco non ha voluto sentire altro ed avrebbe abbandonato le due disperate che sono rimaste a bocca aperta. È stato evidente che anche la caritatevole chiesa ha avuto sue procedure burocratiche da rispettare.

A quel punto, però, è arrivata la sorpresa. Come spesso è capitato a Napoli nei momenti di grandi difficoltà è emersa quella capacità di aggirare, nel caso in modo legale, i cavilli che hanno reso le nostre vite più difficili. Così il sagrestano si è messo a disposizione della famiglia avendone percepito il dolore e lo sconforto.

Per questo l’uomo di chiesa ha “raccomandato” la famiglia protagonista di questa storia ad un’altra parrocchia, sempre del centro, sempre vicino casa e facilmente raggiungibile dall’auto delle pompe funebri. Avvisati i “colleghi” dell’altra chiesa i parenti della defunta sono riuscite ad organizzare il rito funebre.

Insomma, dove un prete non è stato in grado di sostenere i fedeli del suo gregge in un giorno difficile, ci è riuscito un comune sagrestano che ha aiutato una povera famiglia nel momento del bisogno. Tutto è bene quel finisce bene. Buon ferragosto a tutti e sincere condoglianze a queste persone che dalle lacrime ritroveranno i propri sorrisi.

Lo 'sgarro' del prete al funerale, "ora o mai più". Poi scatta la 'raccomandazione' del sacrestano

LEGGI COMMENTI