Ultimo aggiornamento mercoledì, 19 Giugno 2019 - 07:52

“Danielino” ci risasca: secondo arresto in pochi anni per l’attore di Gomorra

Scampia
13 Giugno 2019 17:15 Di redazione
2'

Dalla serie Gomorra al carcere. Ci ricasca ancora una volta Vincenzo Sacchettino, 21enne di Scampia protagonista nella prima stagione della serie Sky (uscita nel 2014) nei panni di “Danielino“, il giovane ucciso a bruciapelo da Salvatore Conte per vendicare l’omicidio di un suo fedelissimo. L’ex attore è stato sorpreso dagli agenti del Commissariato di Scampia mentre spacciava droga nel Lotto SC, in via Fava.

Durante un’attività investigativa mirata al contrasto dello spaccio, i poliziotti hanno sorpreso “Danielino” mentre avveniva lo scambio droga-soldi con il cliente. La droga è stata trovata all’interno di un’auto parcheggiata nella zona, utilizzata dal 21enne come base di appoggio. I poliziotti hanno recuperato 23 bustine di marijuana e 22 stecche di hashish mentre in possesso di Sacchettino, nascosta negli slip, è stata ritrovata la somma di 95 euro. Il giovane è stato arrestato ed accompagnato presso le camere d’attesa della Questura a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa del rito per direttissima.

Non è la prima volta che “Danielino” ha problemi con la giustizia. All’epoca della Fiction aveva poco più di 15 anni e veniva da una situazione familiare disastrata a causa dell’arresto di entrambi i genitori. Nato e cresciuto a Scampia, dopo l’effetto Gomorra Vincenzo, che dal punto di vista artistico non ha avuto altre esperienze esaltanti, è stato risucchiato dalla malavita a nord di Napoli. Prima l’arresto per una rissa culminata con un accoltellamento, poi quello per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti avvenuto nella prima serata di martedì 11 giugno.

 

LEGGI COMMENTI