Ultimo aggiornamento martedì, 23 aprile 2019 - 19:56

Un biglietto e una rosa per la moglie, poi imprenditore si toglie la vita

Cronaca
11 Febbraio 2019 09:57 Di redazione
2'

Ha lasciato un biglietto di scuse alla moglie e una rosa rossa sulla scrivania del suo ufficio, poi si è tolto la vita nel capannone di famiglia nella strada del mercato dei fiori. Tragedia tra Pompei e Castellammare di Stabia dove domenica pomeriggio un imprenditore di 38 anni è stato ritrovato senza vita. Inutili le ricerche e i soccorsi dei sanitari del 118.

La vittima si era allontanata dalla mattina, poi nel pomeriggio il ritrovamento nel capannone dell’azienda floricola di famiglia. Alla notizia del decesso del figlio, il padre – così come riportato da Cronache della Campania – è stato colto da malore ed è stato portato in ospedale.

Sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato di polizia di Pompei e il magistrato di turno della Procura di Torre Annunziata che ha disposto il sequestro della salma in attesa dell’autopsia. Sequestrati anche il cellulare dell’uomo, il computer e la contabilità dell’azienda per risalire ai motivi di un gesto così estremo. Gli inquirenti non escludono che dietro al gesto dell’imprenditore possano esserci motivi di carattere economico o dovuti a usura e minacce ricevute.

La notizia della scomparsa del 38enne, sposato e padre di tre figlia, ha lasciato sgomenta la comunità vesuviana.

LEGGI COMMENTI