Ultimo aggiornamento sabato, 23 marzo 2019 - 15:21

Mercatino di vico Tiratoio, via alla riqualifica dell’area: avviata già la pulizia degli spazi

Ad annunciare l'iniziativa l'assessore Alessandra Clemente insieme ai consiglieri della prima municipalità Francesco Carignani e Luca Iacovelli

Degrado cittadino
11 Gennaio 2019 17:31 Di Andrea Aversa
3'

Ho 32 anni ed è proprio da questo lasso di tempo che la struttura del mercatino rionale, sito tra vico Sergente Maggiore vico Tiratoio, è abbandonata al degrado e all’incuria. Anzi – per la precisione – prima di diventare mercatino, l’intera area era praticamente diroccata e diventata una discarica a cielo aperto.

Poi, negli anni ’90, è stato realizzato il progetto che ha trasformato i resti di un ex chiesa nell’attuale mercatino. Quest’ultimo, però, non è mai stato utilizzato dai commercianti della zona. Perciò è diventato luogo protagonista di storie e leggende. C’è chi ha detto che si è trasformato in dimora per i senza tetto, chi ha raccontato che è stato utilizzato dalla camorra per nascondere armi e droga, chi ha dichiarato che si è tramutato in nascondiglio per tossici e clienti di prostitute.

Di sicuro, ad aver individuato in questo posto una casa calda e accogliente, sono stati i gatti e i topi felici di scorrazzare tra rifiuti e immondizia. Meno contenti i genitori degli “scugnizzi” che quasi ogni giorno scavalcano le pericolose ringhiere arrugginite per entrare nello spazio e giocare a calcio. Insomma, il mercatino abbandonato dei Quartieri Spagnoli (lato San Ferdinando) – come spesso accade in questa città – è sempre stata un’area sottratta ai cittadini e regalata al degrado con i soliti opportunisti, abusivi e criminali, pronti ad approfittarne.

Tuttavia, così come annunciato da alcuni esponenti delle istituzioni locali, è stato sviluppato un nuovo progetto di riqualifica dell’intero spazio. Proprio in questi giorni è arrivato l’annuncio da parte dell’assessore Alessandra Clemente e del consigliere della Prima municipalità Francesco Carignani. Sarebbero già in corso i dovuti rilievi per poter iniziare i lavori, mentre nel frattempo, gli operatori dell’Asia hanno provveduto alla pulizia (interna ed esterna) della struttura. Speriamo sia la volta buona e di non essere costretti ad aspettare altri 30 anni.

IL VIDEO –

Questa mattina siamo a Sant’Anna di Palazzo nell’ex area mercatale per le fasi preliminari del progetto di riqualificazione. L’Area è stata progettata dal noto architetto Bisogni ma rimasta abbandonata da anni“, queste le parole della Clemente.

IL POST –

Questa mattina in sinergia con la Municipalità 1 rappresentata dai Consiglieri Francesco Carignani e Luca Iacovelli è iniziato il percorso per la riqualificazione dell’ex Area Mercatale di Vico Tiratorio con il Supporto dell’Unità Operativa Tutela Patrimonio della Polizia Locale guidata da Gaetano Vassallo e personale del Servizio Autoparchi e di Asia. Una splendida struttura neorazionalista progettata dall’architetto Salvatore Bisogni dove sorgeva la Chiesa metodista di S.Anna di Palazzo. Oggi, in questo nuovo percorso, sono state con noi la pastora valdese Dorothea Mueller e la diacona Metodista Alessandra Trotta in rappresentanza dell’opera per le chiese evangeliche metodiste in Italia, proprietaria di una parte dello stabile e fattivamente interessate al rilancio del complesso. La bonifica è il primo passo, verso la restituzione dello spazio al territorio. Già dalla prossima settimana grazie al progetto “…e adesso?” coordinato dalla prof.ssa Annamaria Camardella che vede come partner l’ACEN, l’INAIL, l’Ispettorato del Lavoro e l’Istituto Tecnico Geometri “Della Porta – Porzio” diretto dalla prof.ssa Alessandra Guida inizieranno i rilevi per la valutazione dello stato di fatto della struttura e per poi procedere al recupero edilizio dell’edifico chiave per la riqualificazione urbana dell’area“, questo il post con il quale l’assessore ha lanciato l’iniziativa.

LEGGI COMMENTI