Ultimo aggiornamento domenica, 16 dicembre 2018 - 22:04

Chiaia, rapinatore seriale di negozi arrestato dai carabinieri: agiva con la nipotina in braccio

Il ladro è stato individuato grazie alle testimonianze dei commercianti e dalle immagini dei sistemi di video sorveglianza

Video
11 ottobre 2018 12:33 Di redazione
3'

Luigi Adamo è un uomo dei Quartieri Spagnoli, disoccupato e già noto alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio. si è reso responsabile, da gennaio a giugno, di 10 furti in negozi di abbigliamento ed elettronica di Chiaia.

Da uno store di elettronica di via Nisco aveva asportato una batteria per drone e una sofisticata cassa acustica portatile; in quel posto era poi tornato per rubare un’altra cassa. In tutti i casi aveva aperto le scatole, rubato gli oggetti e rimesso le confezioni al loro posto per non destare allarme. pochi giorni dopo si era presentato nello stesso negozio, ma nella sede di piazza Salvo D’acquisto, chiedendo informazioni proprio su quella batteria per drone e uno dei dipendenti, a conoscenza del furto a Chiaia, lo aveva fotografato visivamente divenendo fondamentale per le indagini.

In piazza dei Martiri, in un negozio di alta moda, aveva arraffato una giacca di pelle del valore di 670 euro esposta in vendita; due paia di sneakers, invece, le aveva sottratte da un negozio di via dei Mille; in via Chiaia era stato il turno di un giubbino da 2.800 euro e di uno zainetto in pelle. In un’altra occasione aveva portato via un paio di scarpe esposte in un negozio di via Calabritto.

Sempre in zona, in via Santa Caterina a Chiaia, da un negozio di abbigliamento aveva asportato un paio di pantaloni da donna. Ancora in un negozio di via Nisco aveva messo gli occhi su un trolley, scarpe e t-shirt esposte per la vendita, ma la commessa lo aveva notato facendolo dileguare.

I titolari dei negozi dopo la constatazione dei furti, tutti riguardanti oggetti e capi di abbigliamento tutt’altro che economici, si sono presentati, nel corso dei mesi, alla stazione carabinieri di Chiaia per denunciare. A quel punto sono partite le indagini.

Descrizioni, telecamere, riscontri e conferme hanno portato i militari all’identità di Adamo. Esaminando appunto alcune telecamere, hanno notato un altro elemento: l’uomo aveva commesso uno dei furti mentre aveva in braccio la nipotina.

Le indagini condotte dai carabinieri di Chiaia hanno dunque portato all’emissione da parte del giudice per le indagini preliminari (g.i.p.) del tribunale di Napoli, che ha condiviso il quadro accusatorio, di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per furto con destrezza continuato. Adesso Adamo è in carcere.

LEGGI COMMENTI