Ultimo aggiornamento giovedì, 20 settembre 2018 - 18:39

Giorgio Mastrota attacca Napoli nello spot per la serie tv targata Fox

Il noto conduttore di televendite è il volto scelto per promuovere la serie "Romolo + Giuly" che andrà in onda su Sky

Cronaca
9 settembre 2018 13:05 Di redazione
2'

Milano è la città delle “passerelle”, Roma quelle delle buche e Napoli quella della spazzatura. Sono bastate poche parole per dipingere l’Italia e 3 delle sue città più importanti. Ecco l’idea che la Fox ha avuto per i 3 capoluoghi del “Bel Paese“.

A raccontarlo il volto delle televendite, Giorgio Mastrota che dopo materassi e pentole è diventato “venditore” di serie tv. In questo caso si è trattato di “Romolo e Giuly“, mini serie targata Fox in co-produzione con Wildside e Zerosix Productions e che andrà in onda su Sky.

Una pubblicità che ha scatenato l’ira dei napoletani rimasti vittima e umiliati per l’ennesima volta dai soliti luoghi comuni. E vederlo in tv con tanto di urla e volto schifato ha fatto sicuramente più male. Poi, in merito alla vicenda, sarà anche vero che il capoluogo partenopeo ha dei problemi con la raccolta dei rifiuti ma non dimentichiamo che per il Censis Milano è la prima città italiana per reati denunciati.

L’unica cosa certa è che se l’obiettivo dello spot era di essere ironico, possiamo dire che ha fallito nell’intento: è un prodotto di cattivo gusto. E di sicuro, Fox, Sky e il buon Mastrota non hanno fatto una bella figura.

Il video dello spot:

Vergognoso lo spot per la presentazione della serie Romolo+Giuly di Fox su Sky: Giorgio Mastrota, per spiegare che le scene si svolgono nelle città italiane, dice letteralmente: ‘..tra le buche di Roma, tra la spazzatura di Napoli e le grandi passerelle della moda di Milano’. Faccia schifata quando parla di Roma e di Napoli, sorriso sereno e compiaciuto quando cita Milano. Uno spot intriso di luoghi comuni ed ignoranza dove l’equazione è presto fatta: Roma uguale buche, Napoli uguale spazzatura, Milano uguale grandi passerelle di moda“, questo il post di Napoli giornale gratuito

LEGGI COMMENTI