Ultimo aggiornamento domenica, 24 giugno 2018 - 21:30

Omicidio Izzo, individuati i killer: dopo 27 anni arrestati 3 affiliati al clan dei Casalesi

La vicenda rientra nella violenta faida tra la fazione Schiavone e la famiglia Nuvoletta. Fondamentali le dichiarazioni di due pentiti

Cronaca
12 marzo 2018 17:42 Di Andrea Aversa
2'

Concorso in omicidio, detenzione e porto illegale di armi da fuoco, aggravati dal metodo e finalità mafiose. Sono queste le accuse rivolte dalla DDA (Direzione Distrettuale Antmafia) e confermate dal GIP (Giudice per le indagini preliminari) nei confronti di Walter SchiavoneEnrico MartinelliAntonio Mezzero. Gli inquirenti hanno verificato la loro responsabilità per l’omicidio di Stefano Izzo avvenuto il 18 dicembre del 1991.

È svolta, dunque, per un’inchiesta che sembrava morta e sepolta e che invece ha visto la luce grazie alle dichiarazioni di due collaboratori di giustizia, Cipriano D’AlessandroNicola Panaro. Gli investigatori sono riusciti a ricostruire la dinamica dell’agguato avvenuto in un’azienda agricola di Pignataro Maggiore in provincia di Caserta.

Inoltre, è stata accertato che l’omicidio è avvenuto a causa della sanguinosa faida tra il clan dei Casalesi (fazione Schiavone) e il sodalizio dei Nuvoletta. La DDA, ha anche individuato mandanti ed esecutori dell’assassinio. Per questo motivo i carabinieri hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere autorizzata dal GIP. La vittima sarebbe stata uccisa perché sospettata di aver partecipato, come “specchiettista” all’esecuzione dell’omicidio di Emilio Martinelli, fratello dell’ex boss Enrico.

Omicidio Izzo, individuati i killer: dopo 27 anni arrestati 3 affiliati al clan dei Casalesi

Da sinistra Walter Schiavone, Nicola Panaro, Enrico Martinelli, Antonio Mezzero e Cipriano D’Alessandro

LEGGI COMMENTI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi