Ultimo aggiornamento sabato, 18 agosto 2018 - 20:22

Pizza patrimonio dell’UNESCO: il video di Fatelardo omaggia la napoletanità

Curiosità
9 febbraio 2018 17:10 Di Valentina Giungati
2'

L’arte dei pizzaioli napoletani è stata riconosciuta patrimonio immateriale dell’umanità da UNESCO ma, ufficialità a parte, per i partenopei la pizza è molto più che una semplice tipicità regionale, una vera forma d’arte che esalta un antico mestiere dal valore culturale immenso. Un pezzo di storia, è l’essenza del napoletano, racchiude quella semplicità che tutti nel mondo amano e guardano con ammirazione, è genialità.

Proprio questo è stato l’input che ha spinto Fatelardo a voler lasciare traccia indelebile di quanto stava accadendo “Un video che possa contestualizzare il ruolo del pizzaiolo nella napoletanità, che possa rappresentare il lato poetico e artistico dei gesti e rituali di questo mestiere”. Egidio Cerrone e il team che compone la factory sono riusciti nell’intento, immagini pregne di sentimento, c’è tutta la passione di un’arte tramandata per generazioni che oggi approda ad un capitolo molto importante, un riconoscimento dovuto e profondamente sentito dai napoletani.

Alessandro Condurro, Antonio Starita, Gino Sorbillo, Ciro Oliva, Enzo Coccia sono i volti protagonisti di un piccolo gioiello, non il primo. Infatti la community fondata da Egidio Cerrone, alias Puokemed, è un brand che si occupa di comunicazione ed ha realizzato già in passato video divenuti in breve tempo virali. “Una crew di ragazzi napoletani che da sempre lavorano nel mondo del food, con progetti già affermati come Le avventure culinarie di Puok e Med, Italy Food Porn, Ingordo, Luciano Mallardo e Pizze Fantastiche e dove trovarle. Il nuovo brand si sta specializzando sempre di più nella produzione audiovisiva, per terzi, per i propri brand e per Fatelardo stesso, con video nativi di carattere socio-culturale ma anche di puro intrattenimento. Il nostro claim è “Food Task Group”, siamo un gruppo di ricerca sulla comunicazione del food nell’era dei social” ci spiega Egidio, non resta che guardarlo… 

LEGGI COMMENTI