Voce di Napoli | Navigazione

Elvira investita e uccisa a Mergellina: c’è la condanna per il killer

Condanna a cinque anni per il centauro responsabile dell’omicidio di Elvira Zibra, la giovane donna investita e uccisa a Mergellina nell’estate di due anni fa. Per Gianluca Sivo, alla guida della moto la notte del 29 agosto, nella zona degli chalet di Mergellina, 5 anni di reclusione.

Si è trattato di una pena più severa rispetto alle conclusioni della Procura, che aveva chiesto 2 anni e 8 mesi. Il giudice Linda Comella ha firmato il verdetto di primo grado, con uno sconto del terzo della pena come prevede la procedura del rito abbreviato, e una provvisionale da 70mila euro, con l’accusa di omicidio stradale.

Elvira Zibra è stata uccisa quella notte dal centauro che guidava una moto non sua e per la quale non aveva la patente. La giovane invece aveva appena finito di lavorare e stava provando ad attraversare la strada per gettare la spazzatura. Era ancora sul marciapiede quando il centauro è caduto finendo proprio contro di lei.

Gianluca e la sua amica viaggiavano a una velocità a una media di 78 chilometri orari, troppo per pochi chilometri in questa strada. Assistiti dal penalista Giuseppe Catalano, i parenti di Elvira sono costituiti parte civile. Solo pochi mesi prima la mamma aveva perso il figlio, Mustapha Zibra, in circostanze drammaticamente simili: falciato da un pirata della strada a Pianura, mentre faceva ritorno dal lavoro.