Voce di Napoli | Navigazione

Napoli, è un flop il concorso del Comune: lo superano in 15 per 111 posti disponibili

Ingegneri, architetti e informatici: sono le tre figure professionali che mancano al Comune di Napoli. E il concorso bandito da Palazzo San Giacomo non ha risolto il problema. Anzi. Soltanto 15 candidati hanno superato la prova pre-selettiva e poi quella scritta previste dal bando. Ora ad attenderli c’è l’esame orale a febbraio. Intanto, il 90% dei posti disponibili per lavorare nella pubblica amministrazione cittadina potrebbe andare sprecato.

Se questi numeri hanno riguardato architetti e ingegneri (che erano 535 alle selezioni), per gli informatici il contesto non è stato certo migliore: sono stati solo 33 i candidati ammessi all’orale, su 67 posti disponibili. Una sorta di flop, dunque, quello che si è rivelato – al momento – il concorso bandito dal Comune di Napoli. Un’operazione che da una parte avrebbe garantito un lavoro, dall’altra rinforzato e ringiovanito le risorse umane di Palazzo San Giacomo.

È il concorso più grande di sempre della storia dell’ente, rifondiamo il Comune. E puntiamo a ringiovanire l’organico che ha una età media di 59 anni. C’è la possibilità concreta che settemila persone vengano assunte nei prossimi tre anni. Chi non sarà in posizione utile potrà essere assunto successivamente“, aveva dichiarato il sindaco Gaetano Manfredi e invece la maggior parte dei candidati pare non si sia dimostrata idonea. E ora l’incubo è rappresentato dai possibili ricorsi per presunte irregolarità