Ultimo aggiornamento mercoledì, 07 Dicembre 2022 - 11:38

Napoli più forte dei gufi, non vedono l’ora che gli azzurri cadano

Calcio Napoli
14 Novembre 2022 18:51 Di Andrea Aversa
2'

Non sono bastati il primato in campionato e in Champions League. L’anomala stagione di serie A (per la sospensione causa mondiale) ha visto un Napoli padrone, con 11 vittorie consecutive, nessuna sconfitta e 8 e 11 punti di distacco rispettivamente dalla seconda (il Milan) e dalla terza (la Juventus) in classifica.

In Europa gli azzurri guidati da Luciano Spalletti hanno rifilato goleade alle avversarie subendo poco e concendendosi un unico e poco netto svarione a Liverpool. Per il resto, girone dominato e qualificazione agli ottavi raggiunta senza problemi.

La macchina da guerra partenopea, fatta da una difesa solida, un centrocampo che garantisce qualità e quantità e un attacco infallibile, ancora fa fatica a conquistare la stima della stampa nazionale. La rosa che quest’anno sta garantendo maggiori ricambi, non è ‘degna’ di quella legittimità che meriterebbe.

Il Napoli è primo e può restarlo. Ha le carte in regola, lo ha dimostrato battendo tutte le avversarie, anche negli scontri diretti (mancano all’appello solo quelli contro Inter e Juventus). Eppure, le milanesi sono sempre ‘pompate’ nonostante zoppichino in Serie A e in Europa da inizio stagione (senza parlare di presunti aiutini arbitrali).

E la Juventus? Qui la stampa nostrana sta facendo un capolavoro, nel giro di un mese la squadra bianconera (certo, complice un filotto positivo di 5 vittorie consecutive) è stata dipinta come l’anti – Napoli. La cosa già ‘puzzava’ dopo l’eliminazione dalla Champions oscurata magicamente dalla soddisfazione di aver avuto accesso all’Europa League (contenti loro).

Mettetevi l’anima in pace, l’unico avversario del Napoli, di questo gruppo straordinario, è il Napoli stesso. Se gli azzurri riusciranno a mantenere questa determinazione, questa concentrazione soprattutto nei momenti di calo (che ci saranno in modo naturale), non ce ne sarà per nessuno. Arbitri permettendo, il Ciuccio può tranquillamente puntare al traguardo restando in testa (con tutti gli scongiuri del caso).

LEGGI COMMENTI

Articoli correlati