Ultimo aggiornamento venerdì, 23 Luglio 2021 - 18:37

Il 18 luglio del 1973 scoppiò a Napoli la rivolta del pane

Il 18 luglio del 1973 scoppiò a Napoli la rivolta del pane. Caro prezzi, forni chiusi e mercato nero: nella notte l'assalto ai forni

Curiosità
18 Luglio 2021 16:19 Di Andrea Aversa
2'

Il 1973 è stato un anno molto importante per la Napoli. Il capoluogo della città campana visse un periodo molto intenso, fatto di alti e bassi. Da un punto di vista culturale Partenope stava vivendo una grande evoluzione, soprattutto per quanto riguarda la musica.

Le note negative e di sicuro non meno importanti, erano legate al contesto igienicosanitario: acque inquinate e malattie infettive che stavano contagiando i cittadini, soprattutto quelli appartenenti alle classi sociali più povere.

Il 18 luglio del 1973 scoppiò a Napoli la rivolta del pane

Così, mentre Napoli ospitava il primo festival italiano di musica progressiva il Be-In (che portò la città ai vertici degli eventi musicali a livello nazionale ed europeo), tifocolera ed epatite invasero il capoluogo partenopeo.

La notte del 18 luglio ci fu un altro evento che scosse gli animi dei napoletani. C’era il caro prezzi per la vendita del pane. Il mercato nero impazzava e i panettieri, per protestare, chiusero i propri locali. Di notte molti cittadini presero d’assalto i forni. La ribellione all’iniziativa dei fornai fu messa in atto per cercare di soddisfare la fame delle proprie famiglie.

larivoltadelpaneanapoli
LEGGI COMMENTI

Articoli correlati