Ultimo aggiornamento venerdì, 07 Maggio 2021 - 23:34

“Free Navalny!”, sit-in del Partito Radicale fuori al Consolato russo in via Partenope

L'iniziativa organizzata tra sabato 30 e domenica 31 in diverse città italiane. Le mobilitazioni in tutta Europa e in Russia

Politica
29 Gennaio 2021 20:30 Di Andrea Aversa
2'

Manifestazione sit-in del Partito Radicale davanti alla sede del Consolato russo di Npoli, e in diverse città italiane, per chiedere che il Governo italiano si attivi presso l’Unione Europea per sollecitare interventi contro la grave repressione antidemocratica in corso in Rssia e per la liberazione del leader dell’opposizione Navalny.

Sit-in del Partito Radicale al Consolato russo di Napoli per Navalny

In occasione della mobilitazione delle opposizioni al regime russo che si sono date appuntamento nelle principali piazze del paese domenica 31 gennaio alle ore 12.00 per chiedere la liberazione del leader dell’opposizione Navalny, il Partito Radicale ha promosso un sit-in manifestazione davanti alla sede del Consolato Onorario della Federazione Russa di Napoli in Via Partenope 1 alle ore 12.00, per chiedere che il Governo Italiano intervenga con la massima urgenza insieme all’Unione Europea per chiederne la liberazione e il rispetto delle più elementari regole democratiche.

Migliaia di manifestanti sono stati arrestati nei giorni scorsi nel corso di manifestazioni per la democrazia in molte città russe. Sit-in e manifestazioni sono previste in diverse città italiane ed europee, davanti alle sedi consolari russe tra sabato 30 e domenica 31 gennaio. Il Governo italiano, l’Unione europea, il Consiglio d’Europa agiscano subito per chiedere con urgenza al Governo della Federazione Russa il rispetto delle regole democratiche e la immediata scarcerazione del leader russo dell’opposizione Navalny e dei manifestanti fermati e arrestati.

Sit-in del Partito Radicale al Consolato russo di Napoli Sit-in del Partito Radicale al Consolato russo di Napoli Sit-in del Partito Radicale al Consolato russo di Napoli
LEGGI COMMENTI

Articoli correlati