Ultimo aggiornamento sabato, 24 Ottobre 2020 - 00:47

Manifestazione per chiusura scuole, la speranza e la grinta dei bambini un esempio per tutti noi

Tanti i piccoli studenti accompagnati dai genitori davanti alla sede della Regione Campania

Scuola
17 Ottobre 2020 14:07 Di Sveva Scalvenzi
2'

Si è tenuta questo sabato mattina una manifestazione davanti alla sede della Regione Campania contro la decisione di Vincenzo De Luca di sospendere la didattica in presenza. Una mobilitazione nata in rete – sui social e tra i gruppi Whatsapp – che ha riunito tanti genitori, ma soprattutto bambini.

Perché sono stati loro i veri protagonisti della protesta davanti alla sede della Regione. Grandi e piccoli si sono radunati, tutti rigorosamente con la mascherina, per dire “No” alla sospensione della didattica in presenza. Sono stati i bambini, con la loro speranza e il desiderio di riprendere una vita normale, il motore di questa giornata. Armati di gessetti colorati, in modo ordinato, si sono divertiti a disegnare “un mondo migliore”, con la forza della loro immaginazione hanno rappresentato ciò che desiderano: tornare a scuola. “Perché la didattica a distanza non è scuola” ha detto un bambino di all’incirca nove anni che con tenacia ha spiegato a noi giornalisti perché si trovava in strada a manifestare.

Erano tantissimi i piccoli studenti, molti con cartelloni che agitavano con forza davanti a telecamere e obiettivi. Tutti uniti dallo stesso motto: “Vogliamo andare a scuola, vogliamo andare a scuola“. Motto cantato con l’augurio di essere ascoltato dal presidente De Luca.

Ebbene la manifestazione dei bambini, così come deve essere ricordata, nell’incertezza di questa emergenza sanitaria, ci regala un grande insegnamento. I bambini sono il futuro su cui si deve investire, sono quella parte della società che non andrebbe mai dimenticata (come invece è accaduto negli ultimi mesi), sono la speranza che le cose possano cambiare, migliorare. Perché la fiducia che ognuno di loro ha riposto nella mobilitazione di oggi non vada dimenticata e diventi il punto di partenza per iniziare a fare e agire diversamente.

Manifestazione per chiusura scuole, la speranza e la grinta dei bambini un esempio per tutti noi
LEGGI COMMENTI

Articoli correlati