Ultimo aggiornamento lunedì, 20 Gennaio 2020 - 22:47

Costringeva la figlia 13enne a rapporti orali: padre arrestato

Cronaca
15 Gennaio 2020 12:23 Di redazione
2'

Costringeva la figlia di 13 anni a rapporti orali mentre la madre era fuori casa. Il padre della ragazzina è stato condannato a sei anni e otto mesi per aver abusato sessualmente della figlia. Quando la moglie usciva, l’imputato ne approfittava della sua assenza per costringere la figlia a masturbarlo e a rapporti orali. E’ avvenuto nel 2017 a Olevano sul Tusciano, in provincia di Salerno.

Gli abusi sono stati scoperti a seguito della confessione che la minore aveva fatto a una psicologa, a lei aveva raccontato tutte le molestie subite, spiegando che il padre spesso la andava a prendere prima a scuola e una volta a casa, la costringeva a farsi masturbare e a praticargli sesso orale. Dalla denuncia della bambina è scattata un’indagine dei carabinieri che hanno accertato come la bambina avesse diverse assenze ingiustificate a scuola.

Nello stesso periodo degli abusi, il rendimento scolastico della bambina era anche peggiorato, prova che la piccola fosse in una condizione di grave disagio. Da una relazione dei servizi sociali, poi, è emerso che la tredicenne spesso restava sola in casa con il fratellino. La vittima ha poi raccontato che il padre spesso abusava di lei anche quando la madre era impegnata nelle faccende domestiche, le toccava le parti intime, facendole male. La ragazzina ogni tanto riusciva a sottrarsi alle molestie, scappando.

Costringeva la figlia 13enne a praticargli rapporti orali: padre arrestato
LEGGI COMMENTI