Ultimo aggiornamento lunedì, 18 Novembre 2019 - 22:30

Napoli, Salvini oltre le proteste: “5 termovalorizzatori per la Campania”

Il comizio del leader della Lega al cinema Metropolitan. L'ex Ministro degli Interni ha parlato del suo programma in vista delle elezioni locali

Politica
5 Novembre 2019 14:27 Di redazione
3'

Matteo Salvini ha fatto un comizio questa mattina a Napoli al Cinema Metropolitan in via Chiaia. La sala era affollata così come è stat impetuoso il servizio d’ordine. Non è mancata qualche contestazione, questa volta lasciata più ad una scritta impressa sopra all’ingresso del cinema: “Salvini, Napoli ti schifa“. La frase è stata subito cancellata.

Il leader della Lega ha parlato del programma che il suo partito ha sviluppato per la regione Campania. Tuttavia, nonostante Salvini non abbia indicato un candidato Presidente, ha rivendicato che il Carroccio è primo partito anche a Napoli. Ma se Forza Italia avrà un nome da “centravanti“, la Lega è disposta a fare un passo indietro.

Nello specifico Salvini ha parlato dell’emergenza rifiuti e del piano che la Lega vorrebbe mettere in pratica qui in Campania: incentivare la raccolta differenziata e costruire 5 termovalorizzatori, uno per provincia. Ovviamente gli impianti non saranno inquinanti ma ad impatto zero e ispirati alle migliori tecnologie a disposizione. Magari si tratterà di strutture che consentiranno di riciclare energia pulita permettendo anche un indotto economico.

Queste le dichiarazioni di Salvini: “In Campania vareremo un piano rifiuti che libererà la Regione da una perenne emergenza che intossica cuore e polmoni. La differenziata ma anche la valorizzazione del rifiuto attraverso 5 termovalorizzatori a impatto zero, uno per ogni provincia. Così la Campania diventa autonomamente in grado di trasformare rifiuti in energia, calore, ricchezza. Fanno così anche a Copenaghen, nel Nord Europa di Greta, nel rispetto di aria, acqua e uccellini. Questa strategia non l’ho inventata io ma viene applicata in tutta l’Europa avanzata. Basta a eco balle e rifiuti tossici. I rifiuti non vanno trasformati in quattrini per la camorra. Non vorrei che in Campania il problema non fosse solo l’incapacità ma anche la complicità con chi si arricchisce“.

Salvini ha parlato anche di sanità e grandi opere, a partire dall’Alta velocità, “perchè – sottolinea – non possiamo aspettare ancora per un collegamento da Napoli a Bari e verso il resto del Paese. In Campania chi sceglie la Lega – dice l’ex ministro dell’Interno – fa una scelta precisa: vengono prima i campani e poi il resto del mondo“. In Regione Salvini ha annunciato una campagna elettorale, “comune comune, coinvolgendo il meglio della società civile e non certo quelli che stanno hanno imbrattato i muri della città per insultarmi. In primavera il ritornello de Magistris-De Luca e compagnia finalmente avrà un’alternativa“.

Napoli, Salvini oltre le proteste: "5 termovalorizzatori per la Campania"
1
Ultimo aggiornamento 14:27
LEGGI COMMENTI