Ultimo aggiornamento sabato, 19 Ottobre 2019 - 20:01

180 anni fa la prima ferrovia, nel 2020 Napoli è allagata: De Magistris, è questa la rivoluzione?

Per l'anniversario della tratta Napoli-Portici la città fa i conti con il bilancio dell'ultimo temporale: strade allagate e trasporti al collasso

Politica
3 Ottobre 2019 18:01 Di Andrea Aversa
2'

Qualche temporale che si è abbattuto su Napoli nei giorni scorsi ha sistematicamente causato l’allagamento e lo stop del trasporto su rotaie. Il nubifragio di ieri ha letteralmente trasformato l’intera città, dal centro alla periferie, in una grande piscina di acqua e fango.

Caso ha voluto che tale vicenda accadesse alla vigilia dell’anniversario relativo all’inaugurazione della tratta ferroviaria Napoli-Portici. Era il 1839, sono passati 180 anni. E ad oggi, alle soglie del 2020, è bastata una pioggia anche se molto violenta, per mandare in dissesto un intera metropoli.

A quanto pare da Re Ferdinando II di Borbone al Sindaco Luigi De Magistris ne è passata di acqua sotto i ponti. La differenza è che mentre il Sovrano del Regno delle due Sicilie pose le basi per i trasporti ferroviari in Italia, dopo 10 anni di amministrazione arancione continuiamo ad avere strade, infrastrutture, trasporti e sistema fognario al collasso.

A scrivere non è nè un neoborbonico nè un nostalgico. Ma i fatti sono evidenti e sotto gli occhi di tutti. L’amministrazione arancione targata Dema è al tramonto, per fortuna, ma i danni creati sono stati enormi. Se l’eredità che ha avuto De Magistris non è stata facile, quella che avrà il futuro sindaco sarà disastrosa.

180 anni fa la prima ferrovia, nel 2020 Napoli è allagata: De Magistris è questa la rivoluzione?

LEGGI COMMENTI